25 aprile, San Marco: ecco le IMMAGINI più belle per fare gli auguri di buon onomastico [GALLERY]

/
MeteoWeb

San Marco aveva due nomi: uno ebraico, Giovanni, che usava tra i connazionali; l’altro greco, Marco, con cui si presentava nel mondo greco-romano. Secondo una tradizione antichissima la sua famiglia era benestante e aveva un rapporto stretto con Gesù, perché metteva a sua disposizione la casa in Gerusalemme e l’orto che possedeva lì vicino, sulla collina degli ulivi. Marco accompagna tutti gli avvenimenti dolorosi della passione e poi quelli gloriosi della risurrezione e della pentecoste. Successivamente si trova a far parte della primitiva comunità cristiana insieme con la madre e lo zio Barnaba. Pietro si serve di lui come interprete. Ed è proprio Pietro, secondo la tradizione, che, considerando ormai la comunità romana ben consolidata nella fede, invia Marco ad Alessandria d’Egitto. Qui Marco avrebbe fondato la chiesa e incontrato il martirio.