Pasta all’amatriciana per aiutare le vittime del terremoto [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Oggi si mangia la pasta all’Amatriciana nella tendopoli di Sant’Angelo, località colpita dal terremoto nel Centro Italia. E’ una frazione del comune di Amatrice in provincia di Rieti, posta ai piedi della montagna di Pizzo di Sevo che fa parte della catena montuosa dei Monti della Laga.

Il piatto simbolo di Amatrice, come noto, è l’Amatriciana, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo; una ricetta dalle origini contadine a base di guanciale amatriciano e formaggio pecorino, sugo preparato dai pastori con gli ingredienti a loro disposizione sulle montagne quando seguivano le greggi nel periodo della transumanza.

Sono numerose le località in tutta Italia dove in questi giorni e nei prossimi si cucina la pasta all’Amatriciana per raccogliere fondi per i terremotati.