MeteoWeb lancia lo speciale “Tsunami Italiani”, per sensibilizzare sui rischi dei maremoti di casa nostra

Da oggi su http://www.meteoweb.eu/, giornale online di scienza e meteorologia, è online uno speciale chiamato “Tsunami Italiani“, realizzato grazie al lavoro della Redazione e dei suoi collaboratori, in modo particolare il geologo Giampiero Petrucci e il prof. Franco Ortolani, ordinario di Geologia e direttore del Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio della prestigiosa università “Federico II°” di Napoli.
Nella nuova rubrica, chiamata appunto “Tsunami Italiani“, abbiamo già raccolto tutta una serie di articoli storici già pubblicati nel corso degli anni su questi eventi, e settimanalmente inseriremo altri approfondimenti storici, didattici e scientifici in un percorso teso alla sensibilizzazione su questi fenomeni che, purtroppo, non riguardano soltanto l’oceano Pacifico (come recentemente accaduto, l’11 marzo dopo il terreomto del Giappone) o l’oceano Indiano (devastante lo tsunami generato dalla violenta scossa di Sumatra del 26 dicembre 2004).
Questi due recenti fenomeni hanno contribuito a scuotere la popolazione mondiale su questi argomenti delicati su cui è assolutamente importante conoscere per prevenire. Le coste Italiane sono praticamente tutte a rischio maremoti, non perchè lo dica qualche uccellaccio del cattivo augurio ma perchè nel corso della storia se ne sono verificati tanti, anche devastanti, un pò su tutti i litorali delle Regioni del nord, del centro e soprattutto del sud. Allora conoscere questi fenomeni, le loro dinamiche, la loro storia e i loro rischi significa prevenirli dal basso, in un sistema di auto-difesa sempre più essenziale se manca, nelle autorità competenti, la sensibilità e l’interesse di investire sugli adeguati sistemi di prevenzione consentiti dalle moderne tecnologie, o anche soltanto da un sistema massiccio di informazione e sensibilizzazione.
Senza alcuna presunzione, ma con tanta voglia di mettere al servizio della comunità in modo propositivo la nostra passione, è quello che proveremo a fare e stamattina è già online il preziosissimo contributo di Giampiero Petrucci, Gli Tsunami Italiani antichi, dal neolitico al ’500.
Nei prossimi giorni pubblicheremo nuovi approfondimenti e speriamo di coinvolgere i nostri lettori in domande, riflessioni, contributi. Con la speranza che ne venga fuori un lavoro di valore che potrebbe vedere la luce su un volume in carta stampata.

Ecco, intanto, gli altri articoli d’archivio della rubrica “Tsunami Italiani“: