Previsioni Meteo, freddo e neve nel weekend. Ma sarà un anno senza estate? Quando la neve cadde a giugno in pianura Padana…

martedì 21 maggio 2013, 13:39 di

217337_579899182041301_1843534186_nIl centro/sud Italia sta per essere investito da un intenso ciclone Afro – Mediterraneo ma non possiamo non gettare lo sguardo anche al prossimo weekend per quando è confermato un affondo artico sull’Italia con un ulteriore ribasso termico e un nuovo intensificarsi del maltempo. Eppure già oggi fa freddo e sulle Alpi nevica intensamente con bufere e tormente che provocano disagi alla circolazione, proprio come in pieno inverno. Intanto sta scorrendo la piena del fiume Po, con esondazioni e straripamenti. E se da domani potremo entrare meglio nei dettagli dell’irruzione del weekend, con le zone più colpite dal maltempo e la quota neve nelle varie località d’Italia, adesso in tanti già si chiedono se questo 2013 sarà un anno senza estate, in quanto già, di fatto, è stato un anno senza primavera, almeno sull’Italia centro/settentrionale così come in molte zone d’Europa, a partire dal Regno Unito dove fino a pochi giorni fa si sono verificate forti nevicate in pianura che potrebbero ripetersi questa settimana.
248165_579914665373086_965929484_nOvviamente è difficile dire adesso che estate ci aspetta, ma tutte le previsioni stagionali di cui abbiamo già parlato ampiamente su MeteoWeb lasciano immaginare che sarà una stagione fresca e piovosa.
Estati fredde e perturbate, nella storia, ce ne sono già state tante, e non solo quella eccezionale del 1816 quando a causa di furiose eruzioni vulcaniche, in tutto il mondo la temperature si abbassò per mesi.
Certo, erano altri tempi, ma nel giugno 1491 e nel giugno 1793 ci furono due eventi memorabili con nevicate fin in pianura Padana, con accumuli epici: circa 40cm a Bologna città, un’imbiancata persino a Ferrara e a Parma. Non è da escludere, però, che si trattasse di grandine: a quei tempi non esistevano i sistemi di monitoraggio e documentazione che abbiamo oggi, e l’ipotesi che sia stata confusa una violenta grandinata con accumulo alla pura neve che cade soffice nei mesi invernali è, a nostro avviso, più verosimile. Sia chiaro, per i prossimi giorni non si prospetta nulla del genere, ma la neve potrebbe arrivare fino alle colline alpine e fino ai 1.000 metri di quota sull’Appennino centro/settentrionale, o addirittura poco sotto. Un evento comunque straordinario per fine maggio!

Foto 1 di 4

Commenta



MeteoWeb disponibile su App Store

Iscriviti alla Newsletter
Accedi