Spazio: la calibrazione cosmica dell’Operations Support Facility di ALMA

L’OSF, situato a 2900 metri sopra il livello del mare nelle Ande cilene è un centro per le attività di ALMA

Credit: ESO/A. Duro

Quest’immagine mostra l’Operations Support Facility (OSF) per l’Atacama Large Millimeter/sub-millimeter Array (ALMA) con l’accecante Luna sopra le due antenne di 12 metri di diametro in primo piano.

L’OSF, situato a 2900 metri sopra il livello del mare nelle Ande cilene è un centro per le attività di ALMA. Esso ospita il personale e gli appaltatori e da lì si gestiscono tutte le operazioni scientifiche per il funzionamento quotidiano di ALMA. Le due antenne che vediamo, per esempio,  sono state trasferite qui dal sito delle osservazioni per verificare il loro funzionamento e per la loro calibrazione. Questi test controllano i computer e i motori e assicurano che la superficie delle antenne sia abbastanza accurata (con meno dello spessore di un cappello umano di imprecisione) e che possano essere puntate in modo sufficientemente preciso per osservare una palla da golf situata a 15 chilometri di distanza. Una volta che queste antenne avranno completato il loro check-up, raggiungeranno le altre antenne sull’altopiano di Chajnantor con due enormi trasportatori specialmente costruiti. Conosciuti come Otto e Lore, queste macchine mastodontiche sposteranno le antenne – ad una velocità massima di 12 chilometri all’ora – verso la loro posizione di osservazione, dove aiuteranno di nuovo a svelare i misteri dell’universo.