Ricerca e imprese a confronto sui computer quantistici

Una velocita' di calcolo senza precedenti, capace di produrre una nuova rivoluzione industriale attraverso i progressi dell'informatica: sono i computer quantistici

Una velocita’ di calcolo senza precedenti, capace di produrre una nuova rivoluzione industriale attraverso i progressi dell’informatica. Si chiamano computer quantistici e promettono di trasformare interi settori del business e della scienza, dalla farmacologia alla meteorologia, passando per chimica, agricoltura, ingegneria dei materiali, sistemi di crittografia e automobili a guida autonoma.

Le ricadute del “quantum computing” sono state discusse oggi a Trieste, in un incontro organizzato dal Centro internazionale di fisica teorica Abdus Salam (Ictp) e dalla Scuola internazionale di studi avanzati (Sissa). Nel corso della tavola rotonda, aperta dal ricordo di Stephen Hawking, i direttori di Ictp e Sissa hanno annunciato la nascita di un nuovo istituto per la computazione quantistica, con sede a Trieste, grazie alla collaborazione con l’Universita’ giuliana. Gli esperti hanno parlato degli investimenti sulle tecnologie quantistiche da parte di colossi come Google, Ibm e Intel, oltre ai principali centri di Ricerca.

Per Tommaso Calarco, membro del gruppo della “Quantum Technology Flagship” della Commissione europea, “la tecnologia digitale e’ obsoleta e quella quantica sara’ una rivoluzione: dobbiamo cambiare il mondo e la simulazione quantistica puo’ avere grandi ricadute”. Secondo Alessandro Curioni, vice-presidente di Ibm Europa, “l’informatica quantistica e’ cominciata quarant’anni fa e ora ha un livello di maturita’ che permette di costruire sistemi che potrebbero accelerare applicazioni critiche che non possiamo accelerare con l’informatica tradizionale. Ci saranno ricadute su tutto cio’ che coinvolga materiali, atomi e molecole”.

Hartmut Neven, director of engineering di Google, ha sottolineato che “i computer quantici accelerano l’apprendimento tramite macchine: cio’ aiuta a capire meglio il senso di tutto quanto ci circonda”. Il vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia, Diego Bravar, ha ricordato che “Trieste sara’ capitale europea della scienza 2020 e la tecnologia quantistica sara’ una delle attivita’ presentate. Abbiamo qui un sistema di Ricerca molto importante, con la percentuale imprese innovative piu’ alta d’Italia”.

Oggi, al campus dell’Ictp di Miramare, si e’ svolta inoltre la cerimonia di consegna della prestigiosa Medaglia Dirac, consegnata ogni anno a scienziati che abbiano dato un contributo fondamentale alla fisica teorica. Quest’anno il premio è stato dato a tre pionieri dei computer quantistici: Charles H. Bennett, David Deutsch e Peter W. Shor.