Sigarette elettroniche: un forte passo avanti per la salute pubblica europea

Sigarette elettroniche: un forte passo avanti per la salute pubblica europea

L’uso di sigarette elettroniche nel mondo è in continua crescita ma in Europa siamo ancora in netto ritardo

sigarette elettroniche

L’uso di sigarette elettroniche nel mondo è in continua crescita ma in Europa siamo ancora in netto ritardo. E’ essenziale che le istituzioni europee esplorino il potenziale di questi strumenti per ridurre l’impatto del fumo di sigarette convenzionale nel sistema di salute pubblico europeo.

A tal proposito, LIAF (Lega Italiana Anti Fumo LIAF) – con la collaborazione dell’eurodeputato Giovanni La Via – ha organizzato per domani alle ore 12.30 un meeting al quale parteciperanno i maggiori esperti del panorama scientifico internazionale. 

Sebbene si tratti di una questione di sanità pubblica molto importante, la discussione è stata assente dall’agenda europea. Con le sigarette che uccidono più di mezzo milione di fumatori al mese a livello mondiale e quasi 6 milioni di europei che usano le elettroniche per smettere di fumare, fornire evidenze scientifiche per spostare l’attenzione da un principio politico di “solo-astinenza” ad una strategia di riduzione del danno, è vitale per ridurre le morti da fumo.  

L’Europa è ad un bivio nella lotta contro il fumo. Le evidenze scientifiche mostrano che la diffusione delle sigarette elettroniche rappresenta una grande opportunità, in grado di aiutare milioni di persone a smettere di fumare. I responsabili delle politiche sanitarie hanno il dovere di mostrare ai cittadini europei tutti i dati certi sulle sigarette elettroniche e di fornire il miglior contesto normativo a smettere definitivamente.” – Giovanni La Via, Membro del Parlamento Europeo.

Recenti studi hanno portato le principali istituzioni sanitarie a prendere una posizione positiva rispetto allo svapo. Enti ben rispettati, come Public Health England (PHE), Cancer Research UK e Action on Smoking and Health (ASH), riconoscono il potenziale delle elettroniche nel ridurre i danni provocati dal fumo.

Il recente rapporto del PHE sulle elettroniche (febbraio 2018), peraltro, conclude che lo svapo è per il 95% più sicuro del fumo di sigaretta convenzionale. Ed inoltre, il rapporto mostra che mentre i tassi di fumo tra i giovani continuano a diminuire non vi è alcuna prova che le sigarette elettroniche siano una via d’accesso al fumo di sigaretta convenzionale. La stessa ricerca ha scoperto che le elettroniche sono utilizzate quasi esclusivamente da coloro che hanno già fumato.

L’evento di domani rappresenta una grande opportunità per deputati e scienziati che potranno così iniziare a lavorare insieme, condividere le prospettive scientifiche e stabilire strumenti utili a ridurre il fumo in Europa.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...