Salute: 300mila italiani soffrono di asma grave, uno su 3 è under 14

L'asma ha assunto negli ultimi anni caratteristiche di diffusione e gravità preoccupanti, sia in termini di morbilità che di mortalità

Secondo quanto riportato dall’Associazione Allergologi Immunologi Italiani Territoriali e Ospedalieri, l’asma grave è responsabile del consumo di circa l’80% delle risorse dedicate all’asma e tra i circa 300.000 asmatici gravi italiani, uno su tre è un giovane di età inferiore a 14 anni. Se l’asma grave, non viene trattata in modo adeguato, può condizionare gravemente la qualità della vita, causando limitazioni dell’attività fisica, disturbi del sonno e assenze dal lavoro o dalla scuola: lo spiega in una nota l’Aaiito, all’apertura del congresso nazionale a Roma.

L’asma ha assunto negli ultimi anni caratteristiche di diffusione e gravità preoccupanti, sia in termini di morbilità che di mortalità. In Italia l’l’incidenza dell’asma e’ pari al 4,5% della popolazione, ossia circa 2,6 milioni di persone e una buona parte dei casi di asma e’ causata dalla presenza di una o piu’ allergie. L’asma grave invece riguarda fino al 10% della popolazione complessiva di asmatici ed ha un importante impatto sulla qualita’ di vita delle persone che ne soffrono.

Per agire sul piano della prevenzione è necessario prestare costante attenzione alle misure di educazione sanitaria e sociale, necessarie a correggere gli stili di vita che tendono a far peggiorare l’asma, come ad esempio l’esposizione ad ambienti contaminati da allergeni o da fumo di sigaretta, la sedentarieta’ e l’eccesso di peso corporeo“, spiega il presidente Aaiito Antonino Musarra.