Secondo Bendandi il 5-6 Aprile una serie di terremoti colpirà il pianeta, e l’Italia sarà tra le aree più colpite. Bufala o verità?

MeteoWeb

In queste ore caratterizzate dagli eventi sismici del Nord Italia, tornano di scena le profezie di Raffaele Bendandi, l’uomo che cercava di predire i terremoti attraverso teorie astronomiche. Recentemente una presunta profezia parlava di un terribile terremoto a Roma che si sarebbe dovuto verificare nella capitale nello scorso 11 Maggio. In realtà, l’associazione presieduta da Paola Lagorio, la Bendandiana, smentì categoricamente la notizia prima di tale presunto evento, affermando che nelle sue carte non erano presenti previsioni inerenti un sisma a Roma, né tantomeno previsioni legate al 2011 per la nostra penisola. Da quanto si leggerebbe in alcuni suoi documenti invece, avrebbe previsto dei terribili eventi per il 2012, anche in relazione alla nostra penisola: “Il 5 e il 6 aprile 2012 una nuova serie impressionante di sismi colpirà l’intero pianeta e l’Italia potrebbe essere tra le zone più terremotate”. Una previsione molto dettagliata per quanto riguarda l’arco temporale, ma molto generica in relazione al luogo, fattore comune delle sue previsioni. Ma chi era Raffaele Bendandi? Bendandi era uno pseudoscienziato le cui teorie non sono mai state prese in considerazione dalla comunità scientifica. Le sue previsioni infatti erano prive di qualsiasi riscontro oggettivo e l’interazione con i corpi celesti di cui parlava non è mai stata approvata, quantomeno non in maniera così evidente da poter scatenare forti eventi tellurici. Nacque a Faenza il 17 Ottobre 1893, e si appassionò allo studio dei terremoti dopo il terribile evento che flagellò lo stretto di Messina nel 1908. Fu un autodidatta, e le basi della sua teoria parlavano di effetti gravitazionali  provocati dalla Luna sulla crosta terrestre.

Presunta previsione di Bendandi riguardante il fortissimo terremoto che ha scosso il Giappone l’11 Marzo 2011

In occasione del terremoto della Marsica del 13 gennaio 1915, si accorse che il 27 ottobre dell’anno precedente aveva lasciato un appunto in cui prevedeva che si sarebbe verificato. Più tardi, il 23 novembre 1923 davanti al notaio di Faenza decise di mettere a verbale una “profezia”: il 2 gennaio 1924 si sarebbe verificato un terremoto nelle Marche. Bendandi sbagliò di soli due giorni. Tuttavia il Corriere della Sera gli dedicò la prima pagina, chiamandolo “colui che prevede i terremoti”. Anche il terremoto del Friuli nel 1976 fu previsto dal sismologo, che tentò di avvisare le autorità senza essere ascoltato. La sua vita si spense in circostanze misteriose il 3 Novembre 1979. Nonostante alcune presunte previsioni azzeccate o quantomeno sfiorate, l’idea comune di questo ricercatore è che le sue teorie non abbiano un valore scientifico oggettivo. Inoltre, la presenza di varie teorie cospirative e il volere a tutti costi scenari apocalittici, spesso ingigantiscono o addirittura distorcono possibili sue previsioni, come nel caso del Maggio 2011. Siamo di fronte all’ennesima bufala o ad una possibile profezia? Seguiremo questa ennesima notizia e ci informeremo in merito ai carteggi originali di Raffaele Bendandi, l’uomo che prevedeva i terremoti.