Maltempo nel Lazio, i dati pluviometrici dei temporali della scorsa notte: accumuli fino a 60 mm

MeteoWeb

pluviomForti temporali hanno interessato tutto il Lazio nella serata e nella nottata passate. A Roma il temporale è arrivato da nord intorno alle 22, espandendosi poi velocemente al resto della città nel corso della tarda serata. Al pluviometro di Collegio Romano, in pieno centro, i dati dell’Ufficio Idrografico della regione Lazio mostrano un accumulo pluviometrico di oltre 50 mm. A Roma est, nel quartiere di Montesacro, dati raccolti amatorialmente mostrano accumuli superiori ai 40 mm. Il temporale ha avuto il suo culmine fra le 22 e l’ 1 di notte, spostandosi poi verso sud.

Sui Colli Albani gli accumuli sono stati molto significativi: nella zona di Frascati, il temporale ha lasciato accumuli fra 50 e 60 mm. A Marino si è aperta una voragine di 20 metri.

Ancora una volta particolarmente colpito è stato il litorale a sud di Roma, con fortissime piogge fra Pomezia, Ardea a Nettuno (accumuli oltre i 40 mm).

Temporali molto forti su tutta la valle del Sacco, con accumuli fra i 30 e i 40 mm nella provincia di Frosinone.

lazioMolto colpita anche l’area dell’Appennino laziale, dai Monti Simbruini agli Ernici, dai Lucretili all’area di Rieti fino al confine con l’Abruzzo. Le forti piogge cadute sul bacino idrografico dell’Aniene (picchi di oltre 60 mm sui Monti Simbruini), hanno fatto ingrossare il corso d’acqua in quella che è la prima crescita importante dell’autunno 2013. Il livello idrometrico a Roma, presso ponte Mammolo, è quasi raddoppiato in poche ore, passando dagli 1,5 metri di altezza idrometrica di ieri sera ai 2,85 metri di stamattina. Forti piogge anche nel reatino, con accumuli anche superiori ai 50 mm (54 mm ad Antrodoco, oltre 44 mm a Colli sul Velino, circa 40 mm nell’area di Cittaducale). Queste piogge, cadute nel bacino idrografico del Velino (affluente del Nera, a sua volta affluente del Tevere), stanno contribuendo all’aumento della portata del fiume, il cui livello idrometrico a Roma è salito nelle ultime ore fino a quasi 6,4 metri a Ripetta, quando fino alle 22 di ieri sera si trovava a 5 metri. A contribuire all’aumento della portata anche le forti piogge cadute sulla Sabina.

Nel tardo pomeriggio di ieri era stata colpita da forti temporali anche l’area del viterbese, con accumuli superiori ai 10 mm.

I dati qui riportati sono tratti in parte dalla banca dati online del Servizio Idrografico della regione Lazio.