Previsioni Meteo, l’inverno ci riprova in extremis: freddo e neve al centro/sud dopo il ciclone di questi giorni

MeteoWeb

Immagine01L’inverno ci riprova in extremis: dopo un trimestre eccezionalmente caldo con scarti dalle medie di diversi gradi sia a dicembre che a gennaio e febbraio, tanto da fare dell’inverno 2013/2014 il 2° più caldo degli ultimi due secoli (qui tutti i dati), adesso marzo è già iniziato con freddo e neve abbondante anche sugli Appennini come mai s’era vista nei mesi precedenti. Li abbiamo chiamati “giorni della merla” inediti, con più di un mese di ritardo, ma potrebbero essere stati solo l’inizio di un periodo freddo molto più lungo e duraturo. Un’ipotesi di cui avevamo già parlato nelle previsioni a lungo termine delle scorse settimane: la natura tende sempre a compensare i propri estremi, ed è quindi verosimile che dopo una stagione così calda e piovosa, adesso ne inizi una invece molto più fredda ma anche più secca.
ImmagineLe principali anomalie pluviometriche, in realtà, sono state al centro/nord, a causa delle continue perturbazioni atlantiche che hanno investito il continente, ed è proprio lì che adesso potremmo invece avere un periodo più secco e tiepido grazie all’anticiclone delle Azzorre che già nei prossimi giorni, dopo le ultime forti piogge delle scorse ore, riporterà sole e caldo per la prima volta in modo stabile su tutto il settentrione e anche nelle Regioni centrali tirreniche. Proprio l’anticiclone delle Azzorre, infatti, potrebbe portare il vero inverno sull’Italia centro/meridionale, a causa di masse d’aria fredda che scorreranno lungo il bordo orientale dello stesso anticiclone, portandosi così dalla Russia verso i Balcani e da lì arrivando nelle zone Adriatiche e Joniche del Sud. Possiamo quindi aspettarci una primavera fredda in tutt’Italia, con maltempo concentrato al centro/sud e in modo particolare nelle Regioni Adriatiche e in tutto il meridione, con nevicate sui rilievi fino a quote basse. Gli ultimi aggiornamenti hanno confermato ulteriormente questa tendenza, ed è quindi probabile che ancora dovremo avere nelle prossime settimane i giorni di freddo più intenso di questa stagione così bizzarra in cui l’inverno s’è travestito da primavera e adesso la primavera si sta travestendo d’inverno.
slm_gph500_med_30.000001Nei prossimi due giorni continuerà ancora ad imperversare il maltempo al Sud a causa del ciclone sul mar Jonio (vedi mappa accanto), con forti piogge e temporali in modo particolare tra Calabria e Sicilia. Poi avremo una breve tregua ma già la prossima settimana i primi nuclei freddi potrebbero spingersi dalla Russia verso l’Italia tramite i Balcani, con temperature che in Puglia, Abruzzo e Molise potrebbero risultare di quasi 20°C più basse rispetto a quelle della Gran Bretagna, dove invece splenderà il sole garantito dall’alta pressione proveniente dall’oceano Atlantico. Non perdete i prossimi aggiornamenti previsionali su MeteoWeb, con tutti i dettagli su quest’evoluzione. Intanto restiamo concentrati sulla situazione di queste ore, particolarmente preoccupante per il forte maltempo atteso al sud. Per monitorare la situazione in diretta potete scorrere le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Se volete, scriveteci e inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.