Alluvione Gargano, ANBI: “Apriamo i cantieri”

MeteoWeb

alluvione gargano peschici8“La tragedia, che sta vivendo il promontorio del Gargano, conferma due cose: l’inadeguatezza della rete idraulica del Paese alle bombe d’acqua, che ripetutamente stanno investendo porzioni del territorio, causando danni ingentissimi oltre che perdite di vite umane; la piaga dell’abusivismo e la presenza di disegni urbanistici privi del benché minimo rispetto dell’assetto idrogeologico. A fronte di ciò, accanto all’affermazione di un modello di sviluppo rispettoso del territorio, chiediamo lo sblocco almeno delle risorse reperite dal certosino lavoro dell’Unità di Missione contro il Dissesto Idrogeologico e l’apertura urgente di cantieri in tutta Italia.”
A dichiararlo è Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), esprimendo l’ennesima vicinanza a genti, colpite da una drammatica alluvione.
“Torniamo quindi a ribadire che i progetti annualmente presentati dai Consorzi di bonifica e raccolti nel Piano A.N.B.I. per la Riduzione del Rischio Idrogeologico (3.383 progetti per 7.795 milioni di euro) sono perlopiù immediatamente cantierabili: nella sola Puglia era stata indicata, ancora nello scorso Febbraio, la necessità di 90 cantieri per un importo complessivo di 319 milioni di euro; una cifra importante, ma quanto costerà ora riparare i danni e rilanciare l’economia turistica del solo Gargano?”