Allerta Meteo, dinamica del peggioramento molto preoccupante: giovedì nascerà un ciclone Afro/Mediterraneo

/
MeteoWeb

AllertaGli ultimi aggiornamenti dei modelli meteorologici per questa settimana sono davvero molto preoccupanti per quanto riguarda il forte maltempo che colpirà l’Italia, in modo particolare per quello che succederà al Sud nella seconda metà della settimana tra giovedì sera e venerdì 7 novembre. Durante la prima fase del peggioramento, infatti, ad essere maggiormente colpite saranno le Regioni del centro/nord, anche se non mancheranno piogge torrenziali e forti temporali anche nelle aree joniche di Calabria e Sicilia. Questa prima fase è già iniziata stamattina con i primi diluvi in Liguria, ed è provocata dall’affondo della saccatura nord Atlantica verso il Mediterraneo occidentale e il nord Africa, un’evoluzione che provoca un richiamo caldo e umido da sud verso l’Italia dove si attiveranno nelle prossime ore forti venti di scirocco che tra martedì 4 e mercoledì 5 addenseranno piogge torrenziali su tutte le Regioni centrali tirreniche e in tutto il settentrione. La giornata critica di questa fase sarà mercoledì 5, con piogge alluvionali su gran parte del centro/nord e anche nelle zone joniche del Sud.

01Ma quello che succederà nei giorni successivi è ancor più preoccupante. Nella giornata di giovedì 6 novembre, dall’instabilità diffusa sull’Italia ma comunque interlocutoria rispetto alle piogge torrenziali del giorno precedente e del giorno successivo, succederà qualcosa di particolarmente rilevante (vedi mappa accanto). Nello specifico, l’arrivo della saccatura nord Atlantica con aria fresca e umida nell’entroterra nord Africano, e quindi nel deserto del Sahara, provocherà una ciclogenesi Sahariana tra l’Algeria e la Tunisia dove nascerà un profondo ciclone intorno a cui inizieranno a ruotare venti impetuosi. Questa figura ciclonica, risalirà velocemente il nord Africa portandosi nel Mediterraneo e precisamente nel Canale di Sicilia già nella serata di giovedì.

02La giornata critica di questa seconda fase di maltempo sarà venerdì 7 quando il ciclone attraverserà il Sud Italia transitando, come possiamo osservare nelle immagini a corredo dell’articolo, tra Malta e la Sicilia da sud/ovest verso nord/est, portandosi poi nel mar Jonio. Questa tempesta provocherà forti venti, intense mareggiate ma soprattutto violenti temporali che risaliranno da sud verso nord e colpiranno la Sicilia orientale, la Calabria tutta e in modo particolare le sue zone joniche, poi nel pomeriggio/sera di venerdì anche la Basilicata orientale e la Puglia meridionale. E il maltempo insisterà, sempre nelle zone joniche, anche nel weekend a causa di una nuova saccatura nord Atlantica che avanzerà sull’Italia riproponendo forti piogge al nord/ovest e nelle aree del Sud esposte ai venti di sud/est. Insomma, maltempo estremo senza sosta in quest’inizio di novembre sull’Italia, dopotutto siamo in autunno ed è normale che in questo periodo dell’anno si concentrino gli eventi perturbati più significativi dell’intera stagione. La speranza è che non sfocino in nuovi eventi con drammatiche ripercussioni sui territori e sulle popolazioni: a tal proposito è opportuno attivare tutte le possibili misure di prevenzione, perchè le precipitazioni saranno molto abbondanti.