Animali, Basta Delfinari: “Nulla di educativo nell’esibire un animale privato della sua libertà”

MeteoWeb

“I delfinari hanno come unica finalità quella lucrativa e non può esserci nulla di educativo nell’esibire un animale privato della sua libertà”

In merito alla situazione dei delfinari in Italia e alle dichiarazioni del biologo marino Joan Gonzalvo il Coordinamento Basta Delfinari tiene a precisare quanto segue.

Alcuni giornali hanno inserito tra i delfinari strutture che non detengono più tursiopi, quindi vogliamo fare un po’ di chiarezza.
Le strutture italiane che, al momento, esibiscono delfini sono tre: Oltremare di Riccione, l’Acquario di Genova (entrambe di Gruppo Costa Edutaintment) e Zoomarine di Torvajanica (Roma).
Il delfinario presente a Gardaland (PalaBlù) non ha più delfini dal 2013, quando la proprietà decise di cessare l’attività ufficialmente per motivi etici (gli animali furono trasferiti a Genova). Ma negli anni di apertura, il PalaBlù ha presentato un’elevatissima mortalità e subito due processi. Molto scalpore fecero le dichiarazioni dell’ex addestratore Oscar Caridi che si licenziò dopo aver verificato le condizioni di grande stress e sofferenza degli animali e i risultati della consulenza tecnica del Professor Giuseppe Notarbartolo di Sciara durante il processo per la morte di Violetta, tursiope trovato morto annegato con la spina dorsale spezzata..
Gardaland detiene comunque altre specie animali in cattività.
Anche il delfinario di Rimini non ha più delfini, per la precisione dal settembre 2013, quando vennero posti a sequestro preventivo e deportati anch’essi all’acquario di Genova. Il procedimento penale per presunto maltrattamento deve ancora iniziare e, ciò nonostante, la struttura ha riaperto già dallo scorso anno sostituendo i delfini con i leoni marini.
Il delfinario dello zoo safari di Fasano ha chiuso nel marzo 2014, quando Oltremare di Riccione, appena acquisito da Costa Edutaintment, ha chiesto la restituzione dei suoi delfini (in queste strutture è molto frequente la pratica di “prestare/affittare” animali).
Per quel che riguarda le dichiarazioni del biologo marino Joan Gonzalvo, non si può che concordare con le sue osservazioni: i delfinari hanno come unica finalità quella lucrativa e non può esserci nulla di educativo nell’esibire un animale privato della sua libertà costretto ad assumere comportamenti innaturali e umilianti per poter mangiare. Questo vale per i delfini come per tutti gli altri, anche se meno protetti dalla legge.

Coordinamento Basta Delfinari