Fumo: “Ancora troppa ignoranza e sottovalutazione dei pericoli per la salute”

MeteoWeb

La prof.ssa Silvia Novello: “Sul fumo di tabacco ancora troppa ignoranza e sottovalutazione dei pericoli per la salute, soprattutto tra i giovani e le donne”

Una sigaretta gigante campeggerà per tutto il weekend in via VIII febbraio 1848: una struttura alta 3 metri e lunga 14, con all’interno un vero e proprio percorso multimediale di prevenzione e informazione sui danni arrecati dal fumo e test spirometrico gratuito. “Esci dal tunnel. Non bruciarti il futuro” approda domani nel centro storico di Padova, quarta tappa (dopo Torino, Bari e Milano) del tour nazionale di sensibilizzazione sul tumore al polmone organizzato da WALCE Onlus (Women Against Lung Cancer in Europe), l’associazione europea dedita ai pazienti affetti dalla neoplasia e ai loro familiari. “Abbiamo lanciato il progetto in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco e dopo aver incontrato i cittadini, i media e le istituzioni di Torino, Bari e Milano, siamo qui a Padova, a fianco delle Istituzioni, per ribadire con forza quanto sia importante la prevenzione e quali sono i gravi danni causati dal fumo, attivo e passivo – spiega la prof.ssa Silvia Novello, presidente di WALCE Onlus e docente nel Dipartimento di Oncologia Polmonare presso l’Università di Torino. L’iniziativa sarà inaugurata sabato mattina alle 10.00 con il taglio del nastro, e proseguirà fino a domenica pomeriggio. Tutte le attività sono gratuite e aperte al pubblico dalle 10 alle 19 nelle due giornate: si parte dal totem posacenere in ingresso, si passa al desk per l’esame spirometrico, si può parlare con lo pneumologo e con l’oncologo e ricevere opuscoli informativi e gadget. “Le malattie respiratorie correlate al tabacco sono in sensibile aumento in tutte le fasce d’età, anche tra i non tabagisti: – spiega il prof. Pierfranco Conte, coordinatore tecnico scientifico della Rete Oncologica Veneta – irritazione a occhi e naso, mal di testa, secchezza della gola, vertigini, nausea, tosse e malattie respiratorie più gravi come la bronchite cronica o la bronco-pneumopatia ostruttiva. Inoltre, respirare sigarette, proprie e altrui, determina il 90% del totale dei decessi per tumore del polmone, che nel 2014 ha colpito 40mila persone”. La campagna ha il patrocinio di AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), Fondazione Insieme Contro il Cancro, Healthy Foundation, AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri), dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Bari, della Società Italiana di Chirurgia Toracica (SICT), della Rete Oncologica Veneta, dell’Istituto Oncologico Veneto IRCCS di Padova e del Comune di Padova – Città Sane. “Il fumo fa male è una verità dimostrata e l’assunzione costante e prolungata nel tempo di tabacco incide sulla durata della vita media – sottolinea il vicesindaco di Padova, Eleonora Mosco – E’ necessario sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi al tabagismo. L’invito pertanto che rivolgo a tutti coloro che sono ostaggio di questo brutto e deleterio vizio, è di smettere di fumare, per se stessi e per gli altri. Mi rivolgo in particolare ai tantissimi giovani che negli ultimi anni, secondo i sondaggi, sono accaniti consumatori di tabacco sfuso, più economico delle sigarette. Il compito di tutti noi è dunque quello di tenere alta l’attenzione su questo tema di vitale importanza per la salute, puntando sulla prevenzione universalmente riconosciuta come l’arma più efficace nella lotta a tante patologie. Come Amministrazione sosteniamo con orgoglio il progetto Esci dal tunnel, non bruciarti il futuro, che farà tappa a Padova questo week-end ringraziando gli oncologi e pneumologi che scenderanno in piazza contro i danni del fumo”.

fumo“In Veneto i numeri sono importanti: il 18,6% della popolazione fuma regolarmente, 3.080 persone si ammalano ogni anno di tumore al polmone. Patologia, purtroppo sempre più al femminile, se pensiamo che più di un terzo di queste diagnosi colpiscono donne –. evidenzia il prof. Conte –. Il fumo è, poi, un fattore di rischio anche per altre forme di tumore come il cancro del seno, della testa e del collo, della vescica e del pancreas non solo tra i tabagisti”. “Ormai da qualche anno, la comunità scientifica distingue i tumori più intelligenti, difficilmente curabili con i farmaci a disposizione, da quelli meno astuti, per cui esistono terapie mirate molto efficaci – aggiunge la dott.ssa Giulia Pasello, medico oncologo dello IOV – Tra i primi, le neoplasie dei fumatori che accumulano negli anni in misura proporzionale al numero di sigarette fumate molte mutazioni genetiche difficili da colpire con un singolo farmaco. Dunque l’abitudine al fumo può condizionare negativamente anche la risposta ai trattamenti oncologici e la prognosi dei pazienti in terapia”. “Anche il fumo passivo è un importante fattore di rischio: – sottolinea il prof. PierFranco Conte – le oltre 4000 sostanze chimiche sprigionate dalla combustione sotto forma di particelle e gas, aumentano fino al 30% le probabilità di sviluppare la malattia e provoca nel mondo oltre 600mila morti l’anno. Non solo. Ogni anno si registrano sempre più casi di malattie respiratorie croniche e cardiovascolari, ma anche polmoniti e bronchiti nei bambini sotto i 18 mesi: patologie molto diffuse, che hanno un forte impatto sulla qualità di vita e rappresentano un’importante causa di assenza dal lavoro o dalla scuola. Dire addio al fumo non è una missione impossibile e comporta grandi benefici per la salute. Si può smettere anche senza ricorrere a prodotti sostitutivi a base di nicotina, che rendono poi più difficile interrompere il vizio”. “Si auspica – aggiunge il prof. PierFranco Conte – che il decreto antifumo annunciato dal Ministro della Salute, che recepirà la direttiva tabacco europea, estenda i divieti antifumo a tutti gli ambienti chiusi o troppo affollati come automobili, spiagge, stadi e parchi. Solo così è possibile difendere e tutelare la salute di tutti i cittadini, specialmente delle persone più a rischio, come donne in gravidanza e bambini”. “Il nostro tour si pone obiettivi ambiziosi – afferma la dott.ssa Samuela Binato specialista in malattie dell’apparato respiratorio, oncologa presso l’Ospedale di Montecchio Maggiore e membro del comitato scientifico di WALCE Onlus –. La prevenzione primaria diventa prioritaria, la scuola luogo privilegiato dove intervenire.” Oltre a disincentivare il consumo di sigarette, la campagna vuole offrire valido supporto anche a quanti intendono smettere di fumare. “In Veneto, nell’ultimo anno un terzo dei fumatori ha cercato autonomamente di abbandonate le sigarette. Tuttavia, meno della metà ha dichiarato di essere riuscito nel proprio tentativo. Grazie alla presenza di medici e personale altamente qualificato – conclude il prof. PierFranco Conte – saremo in grado di indirizzare questi cittadini verso i centri specializzati e i servizi anti-fumo attivi sul territorio. Smettere di fumare è possibile a tutte le età e apporta notevoli benefici alla salute.”
La tappa di Padova della campagna è resa possibile grazie al contributo di Lilly, Celgene e Bristol-Myers-Squibb.