ExoMars, Mro è riuscito a fotografare Schiaparelli: il lander era sulla traiettoria perfetta

MeteoWeb

Quando i retrorazzi sono stati spenti ed è precipitato al suolo, il lander Schiaparelli stava eseguendo una manovra corretta. E’ quanto afferma il responsabile delle operazioni di volo delle missioni dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) Paolo Ferri, commentando le immagini dell’impatto del lander della missione Exomars riprese dalla sonda Mro (Mars Reconnaissance Orbiter) della Nasa.

“Sembrava davvero improbabile che Mro riuscisse a fotografare il punto dell’impatto – ha osservato Ferri – e il fatto che lo abbia fatto conferma che la discesa nell’atmosfera stava avvenendo in modo corretto. Le foto indicano chiaramente il paracadute e il cratere generato dall’impatto del landerha aggiunto – e in più mostrano che Schiaparelli è caduto molto vicino al centro dell’ellisse, ossia della zona prevista per l’atterraggio. Questa è una notizia positiva perché indica che la manovra era stata eseguita correttamente“. A causa della bassa definizione delle immagini, il paracadute e quello che sembrerebbe il cratere generato dall’impatto appaiono come due macchie, “ma adesso che e’ stato individuato il luogo dell’impatto la sonda Mro potrà sorvolarlo più volte, a partire dalla prossima settimana”.