Trovato morto uno dei due alpinisti ancora dispersi in Alto Adige

MeteoWeb

Non danno risultati positivi le ricerche dei due alpinisti dispersi sulla Gran Vedretta a 2.600 metri di quota: oggi è infatti stata trovata la salma di uno dei due altoatesini, dispersi dallo scorso fine settimana. Sale a tre il numero delle vittime della valanga che ha investito il gruppo di alpinisti: domenica erano stati infatti recuperati i cadaveri di Thomas Lun e Peter Vigl, mentre continuavano le ricerche di Ulrich Seebacher ed Andreas Zoeggeler.

Le ricerche, che erano state interrotte lunedì a causa del maltempo, sono poi riprese stamattina. Il corpo ritrovato, che si trovava sotto la neve, è stato localizzato per mezzo di piastrine trasmittenti nel casco, che sono state intercettate con un sofisticato apparecchio elettronico. I quattro alpinisti avevano deciso di tentare l’impegnativa ascesa della vetta a 3.464 metri in Val di Vizze, ma una valanga ha complicato la situazione. L’incidente è avvenuto in un tratto che solitamente viene affrontato in arrampicata sul ghiaccio senza corda, sia per ridurre i tempi di salita che per scongiurare il rischio di trascinare, in caso di caduta, i compagni di cordata. Domani riprenderanno le ricerche.