Anche gli antichi egizi ‘pendolari’ soffrivano di artrosi

MeteoWeb

Anche gli artigiani dell’antico Egitto impegnati nella costruzione delle necropoli nella Valle dei Re soffrivano di artrosi alle ginocchia e alle anche. Il tutto a causa del loro ‘pendolarismo’, che li costringeva quotidianamente a spostarsi a piedi facendo continui su e giù per le colline tebane. Lo indica uno studio pubblicato su International Journal of Osteoarchaeology dall’egittologa Anne Austin, della Stanford University a Palo Alto, in California. La ricercatrice ha analizzato i resti di questi lavoratori e dei loro familiari vissuti circa 3.500 anni fa nel villaggio di Deir el-Medina, nei pressi della moderna Luxor. Le ossa sono così state catalogate per sesso ed età ed esaminate minuziosamente, cercando alla segni patologici. Dalle analisi è emerso che l’artrosi era un problema che interessava soprattutto gli uomini, a livello delle anche e delle ginocchia, mentre le donne erano meno colpite.

Il risultato ha stupito la ricercatrice che, considerando i lavori svolti dagli artigiani nelle necropoli, si aspettava danni che interessassero prevalentemente la parte superiore del corpo. Anen Austin ha così riletto tutti gli antichi atti amministrativi del villaggio che riportavano le presenze dei lavoratori nei cantieri: mentre le donne rimanevano al villaggio, gli uomini ogni settimana si incamminavano per le colline tebane per raggiungere delle piccole abitazioni in pietra proprio sopra la Valle dei Re dove risiedevano durante la settimana lavorativa, scendendo nella valle e risalendo per il pendio ogni giorno. Alla fine della settimana, poi, facevano ritorno a Deir el-Medina. Sebbene i tragitti non fossero molto lunghi, prevedevano però dei percorsi molto ripidi: dal villaggio alle abitazioni di pietra c’è un dislivello di 151 metri, mentre dalle casette in pietra alla Valle sono altri 93 metri. Considerando che gli artigiani si spostavano in media per 161 giorni all’anno, con una vita lavorativa che poteva durare 25-35 anni, è molto probabile che questo ‘pendolarismo’ fosse la causa principale dell’artrosi.