Sanità, ecco la classifica EU: Italia ultima per efficienza, l’Emilia Romagna è al top tra le regioni

MeteoWeb

La classifica stilata da Meridiano Sanità Index, realizzata da The European House – Ambrosetti vede l’Italia in una posizione non sempre positiva per alcuni aspetti relativi alla sanità: tra i primi per lo stato di salute della popolazione, con una qualità di offerta sanitaria media e tra gli ultimi per efficienza dell’offerta sanitaria e complessiva capacita’ di risposta ai bisogni di salute dei cittadini. La classifica analizza ii 4 principali indicatori di performance del sistema sanitario. Nello specifico, il Meridiano Sanità Index difusso oggi in occasione dell’undicesima edizione del Forum Meridiano Sanità, rivela che l’Italia presenta una qualità dell’offerta sanitaria in linea con l’Europa, con un punteggio di 5,4 a fronte del 5,6 della media EU; mentre sul fronte dello stato di salute mostriamo una performance migliore della media europea e siamo al secondo posto, con un ‘voto’ di 6,1, dopo la Svezia (8,3). La delusione riguarda invece l’efficienza e appropriatezza dell’offerta sanitaria: voti molto bassi per l’Italia, con un punteggio di 3,7 a fronte del 9,1 della Svezia. Il nostro Paese risulta anche in ritardo sul fronte della capacità di risposta del sistema sanitario ai bisogni di salute: siamo penultimi con 3,7 a fronte dell’8,2 dei Paesi Bassi.

L’Emilia Romagna risulta invece la migliore regione per quanto riguarda l’offerta sanitaria, seguita dalla Lombardia. Ultima la Campania. Le valutazioni sono state ottenute confrontando 4 indici principali, ovvero efficienza dell’offerta sanitaria, qualità dell’offerta, salute della popolazione e capacità del sistema sanitario di rispondere ai bisogni di salute. L’Emilia Romagna (7,3) e la Lombardia (7) sono le prime due in classifica, seguite da Trentino Alto Adige e Toscana, con un punteggio pari rispettivamente a 6,9 e 6,7. Quindi Piemonte (6,4), Umbria (6,3), Val d’Aosta (6,2), Veneto e Marche (6,2), Friuli Venezia Giulia (6,1), Lazio e Liguria (5,6), Sardegna e Abruzzo (5,1), Molise (4,8), Puglia e Sicilia (4,6), Calabria (4,1) e Campania (4).

“Le Regioni con le performance migliori, ovvero quelle del Nord, sono anche caratterizzate da un livello di spesa maggiore e ricchezza maggiore” si legge. “L’Italia – commenta Valerio De Molli, managing partner di The European House Ambrosetti – è il Paese che mostra le maggiori differenze territoriali nell’offerta sanitaria rispetto a tutti gli altri Paesi Europei”. Infine Meridiano Sanità Regional Index, evidenzia i cambiamenti maggiori rispetto allo scorso anno: riguardano Val d’Aosta (che guadagna 4 posizioni), il Friuli Venezia Giulia (-5 posizioni) e la Sardegna (+4 posizioni).