Terremoto 2016: è l’evoluzione naturale dell’evento iniziato da L’Aquila, ma non si tratta della stessa sequenza

MeteoWeb

Lo sciame sismico in corso nell’Italia centrale “è l’evoluzione naturale dell’evento iniziato con il Terremoto de L’Aquila” del 2009. Lo ha detto il presidente dell‘Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Carlo Doglioni, in un incontro organizzato dalla Stampa estera. Per Daniela Pantosti, che dirige la Struttura Terremoti dell’Ingv, i due eventi sono accomunati innanzitutto perché condividono “la stessa zona geografica”. Durante il sisma de L’Aquila si era attivata la faglia di Campotosto, ha spiegato Pantosti, e la sequenza che si è attivata dal 24 agosto si localizza subito a Nord rispetto a quella faglia.

Resta comunque – ha osservato – uno spazio fra la rottura avvenuta nel sisma de L’Aquila e quella dell’evento più meridionale della sequenza del 24 agosto”, localizzato nell’area di Amatrice. “La connessione geografica c’è – ha detto ancora la sismologa – ma non possiamo parlare di una sequenza”. Quello che si può dire, ha aggiunto Pantosti, è che “un Terremoto grande come quello de L’Aquila ha seriamente perturbato una parte importante della crosta terrestre, ma nel giro di due anni la situazione è tornata nei normali livelli di deformazione, anche se non siamo in grado di quantificare quanto accade in profondità”.