Terremoto: ecco la situazione alloggi a Camerino, le lezioni riprenderanno il 21 novembre

MeteoWeb

A Camerino le scuole riapriranno il prossimo lunedì 21 novembre. Lo comunica l’amministrazione comunale, dopo avere individuato le soluzioni logistiche dove dislocare tutti gli studenti dei diversi livelli di istruzione: il collegio Davac e il polo scolastico di Madonna delle Carceri ospiteranno gran parte della popolazione scolastica. Nel frattempo molti sono impegnati nella gestione dell’emergenza sfollati in seguito alle forti scosse del 26 e del 30 ottobre. Su una popolazione di 7 mila abitanti (ai quali si aggiungono 4 mila e 500 studenti) per il momento sono assistite circa 2.300 persone, impossibilitati a rientrare nelle proprie dimore. Il numero di coloro che non hanno più una casa è in realtà superiore, ma molti hanno deciso di ricorrere ad una sistemazione autonoma senza rivolgersi all’assistenza comunale. Coloro che, pur essendo privi di un alloggio agibile, sono rimasti a Camerino sono stati sistemati nel palazzetto sportivo e in alcuni centri sociali che non hanno subito danni in attesa dei container. Il commissario alla ricostruzione Vasco Errani ha assicurato, in una telefonata di ieri sera al sindaco Gianluca Pasqui, che i moduli abitativi arriveranno intorno al 15 dicembre. Saranno così disponibili mille posti letto, di cui 500 riservati alla popolazione (con priorità alle famiglie con bambini in età scolare) e 500 agli studenti universitari fuori sede. A Camerino la fase successiva sarà caratterizzata dall’installazione delle casette in legno, nel comune marchigiano sono già presenti tre aree attrezzate dove poterle montare. Nel frattempo proseguono i sopralluoghi e il recupero dei beni da parte dei tecnici comunali e dei vigili del fuoco sia all’interno della zona rossa del centro storico, sia nei quartieri periferici.