Festa dell’Immacolata, Viaggio a Lourdes: una delle mete mariane per antonomasia

MeteoWeb

Lourdes, una piccola città del dipartimento degli Alti Pirenei, nel sud-ovest della Francia, è la più grande meta di pellegrinaggio cattolico in Francia, oltre ad essere uno dei santuari più popolari al mondo. Ma perché questa piccola cittadina, di soli 17000 abitanti, situata 497 miglia a sud di Parigi, ai piedi dei Pirenei, è così famosa, ricevendo più di 5 milioni di pellegrini e turisti ogni anno? Tutto ebbe inizio l’11 febbraio 1858 quando la Beata Vergine Maria apparve a una ragazzina quattordicenne, Bernadette Soubirous che, accompagnata da sua sorella e da un’amica,si recò a Massabielle, lungo il Gave, per raccogliere ossa e legna secca. Proprio mentre toglieva le calze per attraversare il fiume, sentì un rumore simile ad un colpo di vento e, alzando la testa verso la grotta, vide una Signora con un abito bianco, un velo bianco, una cintura blu e una rosa gialla su ogni piede.Bernadette fece il segno della Croce, recitando con Lei un rosario. La Signora, terminate le preghiere, scomparve bruscamente.

BERNADETTE 1Da lì in poi si succedettero una serie di apparizioni: 14 febbraio (acqua benedetta), 18 febbraio (la Signora parlò per la prima volta); 19 febbraio (un’apparizione breve e silenziosa. Bernadette si recò alla grotta con una candela benedetta accesa), 20 febbraio (La Signora le insegnò una preghiera personale); 21 febbraio (la Signora si presentò al mattino presto a Bernadette, successivamente interrogata dal commissario di polizia Jacomet, che la invitò a raccontargli tutto quel che aveva visto ma la fanciulla gli parlò solo di “Aquero” (Quella).

Cauterets053Fu poi la volta del 23 febbraio (l’apparizione le rivelò un segreto “solamente per se stessa”), 24 febbraio (La Signora esortò alla penitenza); 25 febbraio (alla presenza di 300 persone, Bernadette viene invitata dalla Signora a bere dalla fonte un po’ d’acqua fangosa e a mangiare dell’erba vicino alla sorgente. La Signora scomparve); 27 febbraio (apparizione silenziosa alla presenza di 800 perrsone); 28 febbraio (più di 1000 persone assistettero all’estasi. Bernadette pregò, baciò la terra e camminò con le ginocchia in segno di penitenza. Venne subito condotta a casa dal giudice Ribes che minacciò di imprigionarla).

BERNADETTE 3Risale al 1 marzo il primo miracolo. Più di 1500 persone erano accorse e, per la prima volta, tra queste, un sacerdote. Caterine Latapie di Loubajac, una povera e rude contadina, neppure credente, si recò di notte alla grotta, immergendo il suo braccio slogato nell’acqua della fonte, ritrovando la mobilità dell’arto e della mano. Il 2 maggio: messaggio ai sacerdoti, invitandoli a venire sul luogo in processione e alla costruzione di una cappella; il 3 marzo: Bernadette, dopo la scuola, si recò alla grotta, chiedendo alla Signora quale fosse il suo nome. L’apparizione rispose con un sorriso. Il 4 marzo, visione silenziosa. Bernadette, per i successivi 20 giorni, non si recò alla grotta, non sentendo più l’invito irresistibile.Il 25 marzo, la visione rivelò il suo nome,dicendo: “Que soy era immaculada councepciou”, ma il roseto di rosa canina sul quale Lei posava i piedi non fiorì. Il 7 aprile avvenne il miracolo della candela: durante l’apparizione, Bernadette tenne la sua candela accesa e la fiamma lambì le dita della fanciulla senza bruciarla. Tutto ciò avvenne alla presenza del medico Douzous che divenne credente.

BERNADETTE 4Dopo l’episodio del cero che, a detta dei testimoni, si verificò più volte, Bernadette, obbedendo alle sopraggiunte disposizioni del Vescovo di Tarbes, non si recò alla grotta per tre mesi… durante i quali avvennero cose importanti: il 3 giugno, Bernadette fece la sua Prima Comunione e, tra giugno e luglio, la grotta venne più volte chiusa da uno steccato. Risale al 16 luglio, festa della Madonna del Carmelo, l’ultima apparizione. Bernardetta avvertì l’invito ad andare alla grotta, impraticabile per la staccionata. Vi andò, verso le 8 di sera con zia Lucilla e altre due donne, fermandosi nella sponda opposta del Gave, incominciando a recitare il Rosario in ginocchio. Appena iniziato, entrò in estasi. Si trovò davanti alla nicchia come se fosse davanti alla grotta: “Io non vedevo né la palizzata, né il Gave. Mi sembrava di essere alla grotta, senza una distanza maggiore delle altre volte”, queste le parole che poi la fanciulla proferirà, dichiarando, oltretutto, di non aver mai visto la Vergine così bella.

BERNADETTE 6Ma chi era Bernadette Soubirous, la veggente di Lourdes scelta dalla Vergine come mezzo di comunicazione tra cielo e terra? Bernadette era la primogenita di 9 figli (di cui solo 4 sopravvissero), avuti da François Soubirous e Louise. Nacque i l7 gennaio 1844, all’epoca in cui i coniugi gestivano un importante e redditizio mulino. Non tagliati per gli affari, talmente generosi da non riuscire a farsi pagare dai creditori, trattando i clienti come familiari, al punto da offrir loro vino e merendine quando andavano a macinare il grano, sperperarono in breve tempo il loro patrimonio, trovandosi sul lastrico. Tra alterne e travagliate vicende, alla fine del 1855 i Soubirous ricevettero una grossa eredità, investendo i soldi in un nuovo mulino e in un allevamento di bestiame fuori Lourdes, nel piccolo villaggio di Bartrès. Alla fine del 1857 il padre trovò un piccolo impiego in un mulino ma venne accusato di aver rubato (in realtà il mulino venne derubato da malfattori), arrestato e incarcerato per una settimana. Rimesso in libertà, il dubbio sulla sua colpevolezza rimase.

BERNADETTE 2Era questo il contesto in cui Bernadette viveva alla vigilia delle sue apparizioni che, oltretutto, peggiorarono la sua situazione tra diffidenze, ostilità delle autorità civili ed ecclesiastiche, conclusesi solo nel 1862, di fronte al riconoscimento ufficiale dei numerosi segni soprannaturali avvenuti in quella grotta. Nel 1866 Bernadette divenne religiosa nella congregazione delle Suore della Carità di Nevers, in cui visse per 13 anni da suora semplice, derisa dalle altre suore per la sua ignoranza. La veggente morì a soli 35 anni, il 16 aprile 1879, con numerose patologie fisiche, tra cui cancrene che le avevano letteralmente mangiato la carne tra dolori lancinanti. Sepolta in una tomba scavata a terra in una cappella del giardino del convento.

Cauterets053Il corpo di Bernadette, alta solo 1 metro e 42 cm, a seguito della riesumazione, in vista del processo di beatificazione, apparve intatto, elastico e duttile. Perché fare un viaggio a Lourdes? Giungere qui significa decidere di dare al proprio tempo la qualità del silenzio e del ritiro… una forma di pellegrinaggio autentico, un luogo incantato in cui gli uomini tirano fuori il meglio di sé, diventando caritatevoli, amorevoli, disposti al sacrificio e al coraggio, in cui i giovani spingono le carrozzine, accompagnano gli anziani, accudiscono i disabili.Qui la gente porta le sue sofferenze, i dolori, i fallimenti, le paure, imparando ad apprezzare la vita così com’è, trovando consolazione tra le braccia della Madonna.