Fiumicino: ecco l’impronta verde della nuova area di imbarco

MeteoWeb

Attenzione all’ambiente e ai materiali green. E’ il filo conduttore del progetto architettonico della nuova area di imbarco internazionale E inaugurata oggi a Fiumicino. Le forme classiche, unite alla trasparenza e al massimo impiego di luce naturale, danno al passeggero l’impressione di trovarsi al centro delle piste. Una gigantesca bolla di vetro, che chiude un’ampia vetrata che corre lungo tutto il soffitto, consente una visione perfetta dell’esterno e del cielo.

Un’attenzione particolare è stata prestata agli impianti e alle materie prime, in ottica green, con sistemi per il trattamento climatico tramite pannelli radianti a pavimento, che consentiranno un forte contenimento dei consumi energetici, anche attraverso una rilevazione automatica dell’affollamento delle aree. Le esigenze di contenimento delle necessità energetiche hanno trovato applicazione anche nella scelta dei materiali per gli edifici. In particolare, le ampie superfici trasparenti del Molo e del Mall sono state realizzate con vetrate a doppia camera, in grado di garantire il più elevato potere termo e fonoisolante e di schermare l’irraggiamento solare che illuminerà naturalmente gli interni dell’infrastruttura. Tutta l’illuminazione artificiale dell’area è stata realizzata con innovativi impianti a led (oltre 16mila lampade).

Sulle volte del soffitto è stato creato un vero e proprio ‘cielo stellato’.Sempre secondo la logica di integrazione ambientale, è stata inaugurata oggi anche la facciata del Terminal 3. Un’opera – interamente in vetro – del valore di 10 milioni di euro con un progetto ispirato all’originario disegno dell’architetto Morandi negli anni 60, che è stato integralmente recuperato nella sua bellezza e valorizzato attraverso le più moderne tecnologie.