Maltempo Sardegna: “L’agricoltura è in ginocchio, occorrono subito aiuti”

MeteoWeb

Un’interrogazione urgente al presidente della Regione Francesco Pigliaru, per spingere la Regione ad effettuare immediatamente una stima dei danni provocati dall’ondata di maltempo che si è abbattuta in Sardegna negli ultimi giorni, e poi predisporre interventi a sostegno delle comunità colpite. È l’iniziativa dei consiglieri regionali dei Rossomori, Emilio Usula e Paolo Zedda, che spiegano: “Le piogge degli ultimi giorni hanno provocato danni ingenti alle comunita’ e alle aziende agricole della Sardegna. Campi allagati, colture distrutte e famiglie evacuate, i casi piu’ gravi sono in Ogliastra, Baronia, Gallura e nella Barbagia di Nuoro: e’ una situazione di emergenza che va affrontata immediatamente”.

In numerosi centri della Sardegna centro-orientale i danni provocati dal nubifragio del 19 dicembre scorso sono rilevanti, sottolineano Usula e Zedda, “il Comune di Villagrande (Ogliastra) ha gia’ deliberato la richiesta dello stato di calamita’ naturale per le condizioni della viabilita’ rurale. A Dorgali, in un solo giorno, e’ caduta una quantita’ d’acqua pari a quella che si registra in un anno”. Una situazione eccezionale che va affrontata senza indugi: “I danni non riguardano solo le aziende agricole- proseguono i due consiglieri usciti dalla maggioranza- recentemente il ciclone extratropicale ha provocato disagi anche ai pescatori della costa orientale”. Sta dunque al presidente Pigliaru, concludono, “che in questo momento ha l’interim dell’Agricoltura, predisporre in tempi rapidi tutte le azioni per ricostruire l’esatta entita’ dei danni e provvedere agli interventi di ristoro per agricoltori, pescatori e imprese”.