Medicina, allergologi: 12mila italiani con asma grave, 1.500 bambini

MeteoWeb

In Italia sono 2,6 milioni le persone che soffrono di asma, il 4,5 % della popolazione. Ma di questi, secondo le stime, sono 12 mila gli italiani affetti da asma allergico severo, con una maggiore incidenza nelle donne. Mentre si stima che siano 1.500 i bambini colpiti dalla malattia. I pazienti adulti affetti da asma allergico severo trattati con il farmaco biologico omalizumab sono, invece, circa 4 mila, il 30% del totale. Meno di 500 i bambini. Il 70% della spesa sanitaria per l’asma è assorbito proprio dalle forme severe. Sono i dati emersi in occasione dell’incontro organizzato dall’azienda farmaceutica Novartis oggi a Roma per i dieci anni di utilizzo del farmaco nella terapia biologica contro l’asma allergico grave.

Omalizumab, appartenente alla classe degli anticorpi monoclonali anti-IgE (anti-immunoglobine E) è usato per il trattamento dell’asma allergico grave, patologia complessa caratterizzata dall’iperproduzione di immunoglobuline E in risposta agli allergeni ambientali. Ma “solo dal 2014 le linee guida Gina (Global initiative for Asthma) hanno inserito la possibilità di aggiungere alla precedente terapia un trattamento con anti IgE per i pazienti non controllati al quarto step e quindi considerati pazienti con asma grave – spiega Andrea Matucci, dirigente medico del reparto di immunoallergologia dell’Aou Careggi di Firenze – Prima questo avveniva solo successivamente al fallimento anche della terapia con steroidi orali. Oggi omalizumab viene posizionato prima degli steroidi orali”.

Ma quali sono i vantaggi rispetto alla somministrazione di steroidi orali? “Gli steroidi orali – aggiunge Matucci – hanno il problema degli effetti collaterali: il rischio del diabete, dell’osteoporosi, dell’ipertensione. Omalizumab non produce effetti collaterali perché non c’è interazione con il metabolismo. E’ in grado di ridurre la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni dell’asma, migliorando anche i sintomi respiratori dei pazienti e la loro qualità della vita. Inoltre può modulare gli eventi strutturali relativi al rimodellamento della parete bronchiale con effetti positivi sulla storia naturale dell’asma. Il futuro del trattamento delle forme gravi di asma è affidato alle terapie biologiche che permettono di ottenere una migliore gestione della malattia e una medicina personalizzata”. “Ma i pazienti trattati con omalizumab sono ancora pochi – spiegano gli esperti – Su 300 milioni di persone al mondo colpiti da asma, il 5% è colpito da forma grave. E ad oggi solo 100 mila persone sono trattate con il farmaco: ancora poche se si considera il numero potenziale dei soggetti affetti da asma severo. E’ necessaria una sensibilizzazione della classe medica nei confronti dei farmaci biologici per garantire un maggiore accesso al farmaco, efficace per ogni fascia d’età“. (AdnKronos)