Spinetti (AIGAE): “La Giornata Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche sarà nelle zone colpite dal sisma”

MeteoWeb

“Eravamo abituati a frequentare queste montagne colpite dal sisma anche nel periodo invernale con ciaspolate, passeggiate notturne e la notturna di Capodanno. Adesso queste feste, il Natale e non solo, avranno un sapore diverso. Sono praticamente tutti andati via ma nonostante tutte le difficoltà dovute alla viabilità ancora interrotta in diversi tratti, alla non agibilità di alcuni sentieri (viste le continue scosse che ancora si susseguono) stiamo cercando di proporre sentieri ugualmente suggestivi e paesaggisticamente interessanti, principalmente accessibili e fruibili in totale sicurezza”.

Lo ha dichiarato Leonardo Perrone, Coordinatore Guide Ambientali Escursionistiche delle Marche, il quale poche ore dopo il terremoto del 30 di Ottobre sottolineò l’allora preoccupazione per il circuito delle chiesette, nei pressi di Norcia. “Il buon auspicio per il nuovo anno è che venga ripristinata la viabilità prima possibile, per poter ritornare e ridare vita a quei posti colpiti dal sisma – ha proseguito Perrone – e che purtroppo al momento risultano inaccessibili e raggiungibili solo accompagnati da autorità predisposte”.
In Italia le Guide Ambientali Escursionistiche non hanno bisogno di raggiungere i posti, i luoghi magari colpiti da una calamità naturale, perché le Guide Ambientali Escursionistiche che sono geologi, biologi, archeologi, naturalisti, vivono già nei paesi della nostra Italia. Molte guide hanno perso la loro casa, le strutture ricettive che creavano turismo e sono testimonianze dirette di storie importanti da raccontare. Le Guide Ambientali Escursionistiche sono le vere sentinelle dei territori”.

IN UMBRIA
“Il borgo di Castelluccio di Norcia era uno dei centri abitati più alti dell’intero Appennino, situato su un colle a 1450 m slm e universalmente conosciuto per la stupenda “fioritura” di fiori spontanei e di piante coltivate che , come una immensa tavolozza, colorano l’altopiano del Pian Grande.
Il borgo domina l’altopiano carsico del Pian Grande – ha dichiarato Raffaele Capponi, Coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche dell’Umbria ed agronomo della CIA – ed è circondato dalla corona dei Monti Sibillini sovrastati dalla mole massiccia ed imperiosa del Monte Vettore 2.478 m.slm
Castelluccio di Norcia è il cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ed era meta ogni anno di migliaia e migliaia di turisti, escursionisti ed amanti della natura che in ogni stagione trovavano in questo lembo di Appennino le bellezze naturali, le magiche atmosfere e le prelibatezze gastronomiche che lo hanno fatto diventare un “luogo dell’Anima”. Adesso però a Castelluccio sono rimasti solo i militari e non c’è più nessuno . E’ un Natale con borgo vuoto”.

Ad Amatrice
“Soprattutto dopo la scossa del 30 Ottobre – ha dichiarato Roberto Di Filippo, Guida Ambientale Escursionistica che è di Amatrice – il paese praticamente non esiste più. Dobbiamo essere tenaci e non mollare, non perdere le nostre tradizioni, la nostra cultura”.

Amatrice Incoming –
“Aderiamo ad Amatrice Incoming – ha dichiarato Stefano Spinetti, Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE – la rete che vedrà insieme Enti ed Imprese, pubbliche e private per il rilancio forte dell’intera area colpita dal terremoto. Annunciamo anche che la Giornata Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche si svolgerà direttamente nelle zone colpite il 24 Agosto, il 26 e 30 di Ottobre. Scenderemo in campo per una massiccia attività di rilancio dell’intero settore turistico”.