Terra dei fuochi: Acerra piange il piccolo Davide, morto a 7 mesi a causa di un tumore

MeteoWeb

”La morte di un innocente è l’ostacolo più grande alla nostra fede, ancor di più se pensiamo che è vittima innocente di un ambiente inquinato” ha detto il vescovo di Acerra (Napoli), monsignor Antonio Di Donna, durante la messa funebre di Davide Ricciardi, il bimbo di 7 mesi stroncato da un tumore scoperto quando aveva soltanto 60 giorni di vita. Davide ha ricevuto persino il battesimo in ospedale, mentre i medici facevano il possibile per salvarlo. ”Non esistono parole per consolare i suoi giovani genitori – ha aggiunto il presule – in questo momento sarebbe forse piu’ utile il silenzio. Noi abbiamo la parola di Dio, ma dobbiamo anche essere lucidi, e non possiamo mascherare il dramma di un fiore reciso appena nato, dietro una facile consolazione. Non possiamo rassegnarci allo strazio che ha dovuto subire questo corpicino e al dramma che ha colpito questa famiglia”.

La chiesa gremita, i palloncini bianchi fatti volare al cielo. Davide non ha potuto neanche festeggiare il primo anno di vita, stroncato dal male incurabile che ad Acerra ha mietuto anche altre vittime giovanissime: ”Non possiamo dire che questa è la volontà di Dio – ha concluso Di Donna – Dio non c’entra con gli effetti perversi dell’inquinamento ambientale e del conseguente male che colpisce i piccoli della nostra terra. Perciò non possiamo rassegnarci che questo sia il prezzo da pagare allo sviluppo perverso, dobbiamo continuare la battaglia, che sara’ lunga, perché stiamo pagando il conto ad assassini che per amore del denaro hanno inquinato le nostre terre e la nostra aria. Davide, stasera, e’ il figlio di un popolo intero e nel suo nome continuiamo il cammino per essere sentinelle di questo territorio”.