Terremoto: a Teramo altre 16 ordinanze di sgombero

MeteoWeb

Altre 27 famiglie sono state coinvolte oggi da provvedimenti di sgombero, per i quali sono state emanate dal sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, 16 ordinanze, che hanno interessato anche studi professionali e attività commerciali. I provvedimenti hanno riguardato edifici e stabili dei corsi Cerulli e San Giorgio, di via Pepe e via Brodolini e delle frazioni di Forcella, Valle San Giovanni e Varano. Il totale delle ordinanze di sgombero emanate fino ad oggi è di 491. Al Coc (centro operativo comunale) si sono recate 18 famiglie, delle quali 15 hanno optato per l’autonoma sistemazione e 3 per la ricettività alberghiera. Come già comunicato ieri, sono stati riaperti i cimiteri di San Nicolò, Poggio Cono, Caprafico, Frondarola, Forcella, Castagneto, Putignano, Villa San Giovanni e Rapino; in quelli di Miano, Cavuccio e Sant’Atto si lavora per favorire la più rapida riapertura. Ancora chiusi i cimiteri di Garrano, Varano e Villa Rupo. Al cimitero di Cartecchio sono aperti alcuni passaggi pedonali e sono in corso i lavori di ripristino dei lotti classificati nella categoria B. Il Comune ricorda che gli orari pomeridiani del Servizio Attività Sociali, operativo presso il comando dei vigili urbani, e’ dalle 15.00 alle 20.00.