Terremoto, Protezione Civile: effettuate 20mila verifiche di agibilità

MeteoWeb

Fino ad oggi sono 20.733 le verifiche di agibilità effettuate con procedura Fast (Fabbricati per l’agibilità sintetica post Terremoto) sugli edifici privati danneggiati in seguito al Terremoto che il 26 e il 30 ottobre hanno colpito Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Secondo i dati trasmessi dalle regioni alla Protezione Civile, sono stati eseguiti 8.660 sopralluoghi in Umbria, 1.863 in Abruzzo e 10.210 nelle Marche, mentre per quanto riguarda il Lazio gli esiti non sono stati ancora trasmessi al Dipartimento. Per il momento gli edifici agibili risultano complessivamente 8.205 mentre 705, pur non essendo danneggiati, risultano “non utilizzabili” per rischio esterno. 7.021 sono gli esiti di “non utilizzabilità” per temporanea, parziale o totale inagibilità e 4.802 le verifiche al momento senza esito perché, nella maggior parte dei casi, si tratta di immobili nei quali non e’ stato possibile accedere e che necessitano di ulteriori sopralluoghi.