Amatrice riparte: il liceo sportivo internazionale è “un’opportunità straordinaria”

MeteoWeb

Amatrice riparte. E riparte dalla scuola. Lo fa con una sperimentazione “unica in Italia” di liceo scientifico ad indirizzo sportivo internazionale. Un convitto per ospitare gli studenti fuori sede, impianti sportivi rimessi a nuovo, una didattica “esclusivamente” digitale ed esperienze di studio all’estero. Un progetto, per un massimo di due prime classi, che partirà a settembre 2017 in collaborazione con enti locali, Miur e Coni. “Nonostante le difficolta’ che purtroppo proseguono quotidianamente” in queste terre – ha detto la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, durante un incontro a viale Trastevere – questo è uno straordinario messaggio di fiducia concreta. Una straordinaria opportunità”.

Il Ministero, ha aggiunto, “monitorerà e sosterrà l’avvio della sperimentazione” e “l’11 marzo sarò ad Amatrice per fare il punto sullo stato di avanzamento” dei lavori. “Gli studenti che si iscriveranno per il primo anno non pagheranno nulla“, ha precisato Fedeli. “Bisogna fare di tutto per riportare queste persone alla normalità. Abbiamo pensato che lo sport potesse essere il volano e garantiremo la realizzazione delle infrastrutture sportive – ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò – si tratta di una bella idea e una bella sfida. Faremo di tutto per sostenerla e promuoverla”. Per partire serviranno almeno “25-30 studenti” e occorrerà vincere “qualsiasi pregiudizio psicologico” legato alle paura del terremoto. “Siamo sicuri che tra qualche anno ci sarà una lista d’attesa per iscriversi”.

Da settembre, gli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo “Romolo Capranica” di Amatrice potranno frequentare l’opzione sport e turismo (le iscrizioni sono già aperte), per potersi qualificare come atleti o tecnici sportivi. Il Coni invierà periodicamente allenatori nazionali e professionisti da supporto in determinate discipline. In classe si studieranno sport (dall’atletica leggera allo sci, dalla roccia ai giochi di squadra) e lingue straniere (inglese, spagnolo o francese) e gli studenti potranno svolgere esperienze all’estero.

“Abbiamo lavorato in un momento di difficoltà pensando al futuro – ha osservato il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi – questa giornata straordinaria ripaga gli sforzi fatti”. Pirozzi ha parlato anche degli impianti sportivi necessari all’avvio del liceo: “Nel progetto della nuova scuola, i cui lavori partiranno il primo giugno (abbiamo gia’ approvato la variante urbanistica) ci saranno una palestra, un campo sportivo e il convitto. Mi e’ stata data la parola, e io sono un uomo di parola, che per settembre ci sara’ tutto meno la palestra, ma avremo il palazzetto”. Noi, ha concluso, “siamo pronti: mi auguro che i ragazzi colgano la grande opportunita’ di iscriversi ad Amatrice. E’ uno dei piu’ grandi regali che potro’ avere nella mia vita”.