Riscostruzione, Errani: acceleriamo su stalle, macerie e casette, “quello che non siamo riusciti a fare è ritardo da recuperare”

MeteoWeb

“La scelta del nuovo decreto è perché vogliamo accelerare: stalle, casette, macerie. Quello che non siamo ancora riusciti a fare è un ritardo da recuperare, per questo con il decreto, assieme ai sindaci e alle Regioni, abbiamo deciso anche di riorganizzare le funzioni, in modo che sia il territorio a dare risposte. Già in queste settimane si vede un segnale nuovo”. Lo ha detto a Sky TG24 il commissario per la ricostruzione Vasco Errani parlando della gestione dei danni del terremoto che ha colpito il Centro Italia.

In merito a quanto è già stato fatto, Errani ha spiegato che “non abbiamo assolutamente perso sei mesi. Questo terremoto, grazie al Governo precedente e a questo Governo che lo riconferma, ha l’impianto più solido e più concreto nel rispondere ai problemi della ricostruzione. È chiaro che se ti trovi di fronte alla più grande emergenza del Paese degli ultimi 100 anni, in più arriva una neve storica, in più hai almeno cinque terremoti, sei di fronte a una situazione complessa e difficile, ma la stiamo affrontando. Abbiamo già l’ordinanza per i danni lievi, l’ordinanza per il recupero di tutti i danni delle imprese, per cui si può cominciare a intervenire sulle imprese, l’ordinanza per le scuole, con cui stiamo avviando un piano straordinario di ricostruzione di 21 scuole nuove e l’adeguamento delle scuole danneggiate. Alla fine della prossima settimana uscirà l’ordinanza per i danni più gravi. Non credo si possa dire che la ricostruzione è ferma”.