Terremoto, Marche: fino ad oggi sono stati installati 600 moduli abitativi

MeteoWeb

“Ad oggi nelle Marche ci sono 600 moduli abitativi installati, nelle zone terremotate. Le nuove norme che stanno arrivando dopo il terzo sisma poi, ci permetteranno di semplificare e accelerare ancora le procedure per le gare di appalto destinate all’urbanizzazione delle aree per le Sae permettendoci di risparmiare molti giorni per raggiungere i risultati voluti”. Lo ha detto il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, intervenendo a Comunanza (Ascoli Piceno) ad un convegno sul tema della ricostruzione post sisma con gli amministratori dei comuni locali.

“Siamo impegnati per fare prima e fare meglio – ha sostenuto Ceriscioli – ma occorre lavorare tutti insieme per cogliere gli obiettivi fissati. Le dimensioni del Terremoto pongono molte questioni sul tappeto, ma e’ necessario anche riconoscere l operato svolto da tante persone che sul campo da molti mesi sono impegnate con il massimo della professionalita’ a favore della comunità marchigiana”Per il presidente della Regione Marche la dotazione finanziaria da parte del governo “è sufficiente. E noi abbiamo fatto la scelta di mettere in cassa 30 milioni per coprire le necessita’ negli intervalli tra un finanziamento e l’altro, proprio per agire senza soluzione di continuita’. Ma i fondi fino ad oggi – ha proseguito Ceriscioli – sono arrivati tutti con regolarita’ consentendoci di lavorare bene”.