Terremoto, ‘Panorama’: Errani riconosce i ritardi di ricostruzione

MeteoWeb

“Non esiste il fatto che per cominciare a fare le casette, che non è ciò che devo fare io, si attenda di avere il fabbisogno definitivo di tutte le casette. Non esiste. Non esiste che per fare le stalle bisogna metterci tutto questo tempo. Non esiste. Non esiste“. E’ quanto avrebbe detto, secondo quanto riporta il settimanale ‘Panorama’, Vasco Errani commentato il drammatico stato della ricostruzione post Terremoto davanti ai sindaci dei comuni colpiti dal sisma il 15 febbraio scorso ad Ancona. Errani, nel chiuso di una stanza con gli altri amministratori, avrebbe sottolineato, come riferisce il settimanale domani in edicola, “il fallimento dello Stato, che lui stesso rappresenta, nella gestione delle fasi successive alle terribili scosse che hanno messo in ginocchio diversi paesi di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio”.

“Errani ha detto più volte ‘non esiste’ – prosegue ‘Panorama’ – di fronte all’evidenza della consegna delle casette, della quasi totale inagibilita’ delle stalle e dei ritardi sul ripristino della viabilita’ che vede ancora molti paesi isolati”. “Rivolgendosi ai sindaci – prosegue l’articolo – Errani ha testualmente parlato di un quadro drammatico a cui si aggiunge la beffa dei sopralluoghi”. Secondo un calcolo effettuato da Panorama, ci vorrà ancora un anno per ultimare i rilievi tra schede Aedes e schede Fast, due tipi di sopralluoghi che si accavallano e che stanno allungando ulteriormente i tempi per arrivare a un quadro generale sull’agibilità di edifici privati e pubblici. Intanto, sottolinea Panorama, i cosiddetti “ospiti del sisma” che alloggiano in alberghi e centri turistici, attendono di sapere quale sara’ la loro sorte dopo che diversi proprietari di hotel, alcuni dei quali non hanno ancora ricevuto rimborsi dal governo, hanno fatto sapere di voler “liberare” le stanze per la stagione estiva.