Afghanistan: il Governo annuncia una “nuova strategia” contro l’Isis

MeteoWeb

Proprio quando gli Usa hanno lanciato per la prima volta una bomba MOAB, l’ordigno non nucleare più potente in assoluto, anche il governo dell’Afghanistan ha varato una “nuova strategia” contro i militanti dell’Isis, concentrati nella provincia orientale di Nangarhar. Dalle informazioni diffuse, oggi Hanif Atmar, consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Ashraf Ghani, ha visitato varie zone di Nangarhar, assicurando che sulla base di specifiche istruzioni del capo dello Stato e di “nuove direttive”, “l’Isis sara’ eliminata da questa provincia“.

In realtà i seguaci del ‘Califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi stanno cercando di installare un loro quartier generale nei distretti di Nangarhar da circa due anni. Hanno cercato di imposi con la forza, realizzando numerosi cruenti attentati, compreso quello che ha causato ieri davanti al ministero della Difesa a Kabul, almeno cinque morti e dieci feriti. Oltre ad Atmar, hanno visitato la provincia numerosi alti responsabili dei ministeri della Difesa e dell’Interno, nonche’ ufficiali della Nato e dell’esercito afghano per esaminare i risultati dell’Operazione ‘Hamza’ avviata contro l’Isis tempo fa. Al riguardo il generale Muhammad Zaman Waziri ha indicato che dall’inizio di essa nei distretti di Achin e Kot sono stati uccisi 326 militanti dell’Isis, fra cui alcuni comandanti.