Assocarni: “Berlusconi non contribuisca al danno alla filiera della carne”

MeteoWeb

“Riteniamo incredibile che per accaparrarsi l’elettorato animalista, Silvio Berlusconi, pur essendo un imprenditore, contribuisca a danneggiare una filiera e un’industria come quella della carne”. Lo afferma Assocarni (Associazione nazionale industria e commercio carni e bestiame) in una nota, in riferimento al gesti del Leader di FI che ha ‘adottato’ 5 agnellini aderendo alla campagna della Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente. I consumi di carne in Italia, rileva Assocarni, “sono tra piu’ equilibrati dell’Unione europea: 79kg bovino, suino, pollame ovino e salumi. Cosi’ si infligge il colpo di grazia alla filiera ovina, che ha un ruolo fondamentale per la produzione di formaggi e carni di alta qualita’, i cui allevamenti allo stato brado – conclude l’organizzazione – contribuiscono al mantenimento del territorio”.