Bomba sganciata in Afghanistan: ecco la MOAB, la “madre di tutte le bombe”

MeteoWeb

L’esercito statunitense ha lanciato nella provincia afghana di Nangarhar una bomba guidata GBU-43, anche nota come MOAB cioé ‘madre di tutte le bombe‘, ritenuta tra le più potenti costruite dagli Usa. Ma di cosa si tratta? La MOAB è una bomba di quasi 10 tonnellate, altamente esplosiva e potente. Tecnicamente GBU-43/B MOAB – “Massive Ordnance Air Blast Bomb”ma viene meglio conosciuta come “Mother Of All Bombs”. 

La Moab era stata sviluppata nella Guerra in Iraq del 2003, ma fino ad oggi non era mai stata utilizzata: si tratta di un ordigno lungo 9,17 metri con un diametro di 1,02 metri. E’ stata lanciata oggi per la prima volta contro un obiettivo dell’Isis, lo Stato islamico. Si tratta – secondo il sito specializzato Globalsecurity – di un grande ordigno guidato via GPS, che porta una testata da 8,4 tonnellate di H6, un esplosivo misto di RDX (T4, ciclonite), TNT e alluminio. Viene trasportato da aerei MC-130 Combat Talon per la sua dimensione e viene lanciato usando un carrello e con paracadute da alta quota. La MOAB è basata sullo stesso principio della bomba BLU-92, soprannominata “Daisy Cutter” (“Tagliatrice di margherite”), ma ha maggiori dimensioni più imponenti ed è dotata di un sistema di guida.