Bruxelles: ospite la prima ingegnere aerospaziale italiana

MeteoWeb

Il lancio del primo satellite artificiale, di cui il prossimo ottobre si festeggerà il 60° anniversario, ha segnato l’inizio di un’attività che negli anni ha visto la conquista di traguardi sempre più ambiziosi. Amalia Ercoli Finzi, la prima donna ad essersi laureata in ingegneria aerospaziale in Italia, illustrerà il prossimo 19 aprile presso l’istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, le tappe salienti di questa avventura culminata con la Missione Rosetta, una delle imprese più straordinarie cui hanno contribuito la scienza e la tecnologia italiane.

Durante l’incontro verranno affrontati temi quali lo spazio-tempo, la teoria del tutto, la quantistica, l’intelligenza artificiale. All’inizativa intervengono: Amalia Ercoli Finzi e Francesco Forte, responsabile coordinamento alla Rappresentanza Italiana permanente presso l’Unione Europea. Amalia Ercoli Finzi si occupa di progettazione di missioni spaziali da oltre 25 anni ed è professore al Politecnico di Milano. Già consulente dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Agenzia Spaziale Europea e della NASA, ha contribuito alla realizzazione di satelliti e sonde per l’esplorazione planetaria. Francesco Forte è un diplomatico della Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UE e coordina il settore Spazio.