Corea del Nord, si teme un nuovo test: Pechino invia un emissario a Seul

MeteoWeb

Mentre un gruppo navale della Marina americana si sta dirigendo verso la penisola, un emissario del governo cinese si è recato a Seul per colloqui sul programma nucleare nordcoreano. Dopo l’attacco missilistico contro la Siria, interpretato dagli osservatori anche come un segnale verso Pyongyang, il presidente americano, Donald Trump, ha chiesto che gli venga presentata una gamma di opzioni per disinnescare la minaccia nordcoreana. Nei prossimi giorni, il dittatore nordcoreano, Kim Jong-un, potrebbe decidere di fare un sesto test nucleare. Il 15 aprile sarà infatti il 105esimo anniversario dalla nascita di Kim Il-sung, fondatore della dinastia, il 25 aprile sarà l’85esimo anniversario della Fondazione dell’Esercito Popolare della Corea.

Wu Dawei, rappresentante speciale di Pechino per gli affari della penisola coreana, ha incontrato il suo omologo sudcoreano. La Corea del Sud ha espresso inquietudine per l’invio della portaerei statunitense verso la penisola. Intanto a Pechino, il Global Times, molto vicino al governo cinese, ha fatto notare che un attacco americano contro la Corea del Nord scatenerebbe una carneficina nella penisola coreana. “Un attacco simbolico contro la Corea del Nord da parte americana porterebbe il disastro alla popolazione di Seul”, scrive il quotidiano, aggiungendo che “un attacco per la decapitazione” della Corea del Nord e’ ora “altamente possibile“. Ma tale attacco “comporterebbe “molto probabilmente una sanguinosa guerra su larga scala nella penisola”.

Durante l’incontro tra Cina e Corea del Sud hanno concordato sull’opportunità di pesanti misure contro Pyongyang in linea con le risoluzioni Onu nel caso di altro test nucleare o missilistico, magari intercontinentale. Al colloquio hanno preso parte Wu Dawei, inviato speciale di Pechino sulle vicende nordcoreane, e la controparte Kim Hong-kyu e il ministro degli Esteri sudcoreano Yun Byung-se. Wu. Quest’ultimo, come hanno riferito i media locali, ha spiegato l’importanza di risolvere i contenziosi attraverso il dialogo, puntando alla denuclearizzazione della penisola. Kim, dopo l’incontro, ha spiegato di aver sollecitato la Cina a fare maggiori sforzi contro gli sviluppi delle ambizioni nucleari del Nord, considerata la minaccia di gran lunga più grave. Wu, da parte sua, ha ribadito la netta opposizione di Pechino alla installazione in Corea del Sud dei sistemi antimissile americani Thaad, valutati come una minaccia alla sicurezza nazionale, ma visti da Seul come un deterrente “efficace” contro le possibili intemperanze di Pyongyang.