Maltempo, Coldiretti: “Sardegna in ginocchio, serve lo stato di calamità”

MeteoWeb

“L’agricoltura sarda è in ginocchio e rischia il tracollo. Tra prodotti sottopagati e calamita’ naturali sono stimabili in diversi milioni di euro le perdite e i danni per allevatori e agricoltori”. Per questo questo motivo, “la Regione non tergiversi ulteriormente nel dichiarare lo stato di calamita’ naturale secondo il decreto legislativo 102: sono necessari interventi urgenti ed immediati per attenuare, dove possibile, le ingenti perdite”.

È l’allarme lanciato da Coldiretti Sardegna, in seguito anche al colpo di coda invernale che nelle settimane scorse ha provocato danni soprattutto alle aziende vinicole, a cui seguirà molto probabilmente un periodo di grave siccità. “La situazione è davvero drammatica. – sottolinea il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – L’intero comparto agricolo è tartassato, oltre che dai prodotti sottopagati, da annate da incubo per quanto riguarda il clima. Passiamo da un estremo all’altro, con temperature sempre fuori la media: o troppo alte o troppo basse, con le piogge che sono diventate un miraggio. Le piante non possono seguire il proprio corso naturale e le perdite sono talmente elevate che e’ difficile anche quantificarle”.