Sesso, ‘medicina turistica’: in viaggio a Cuba per la protesi al pene, il chirurgo è italiano

MeteoWeb

Un passo storico per la medicina a Cuba. A L’Havana, nella Clinica central ‘Cira Garcia’ è stato impiantato un dispositivo medico di ultima generazione: la protesi peniena idraulica tricomponente. La ‘firma’ sui primi interventi è tutta italiana: il chirurgo che ha effettuato due operazioni è il ricercatore Gabriele Antonini, dell’Università Sapienza di Roma.Con i colleghi urologi cubani abbiamo creato un centro medico per il benessere sessuale maschile – spiega all’Adnkronos Salute Antonini – che crediamo possa diventare nel tempo un riferimento internazionale per tutti i problemi legati alla sessualità”.

“Il governo ha sviluppato un servizio di ‘medicina turistica’ per tutti quei pazienti che provengono da altre nazioni, che vogliono avvalersi delle alte competenze e della perfetta organizzazione del sistema sanitario dell’isola – prosegue – Per me è un privilegio e un onore partecipare a questo progetto che trasformerà questo Paese nel centro di riferimento mondiale per la cura del benessere sessuale maschile”. A costi inferiori rispetto ai Paesi occidentali. “Cuba permette di poter mantenere calmierati i costi a tutto vantaggio dei pazienti – precisa il medico – Questa è una chirurgia fortemente risolutiva per i problemi di deficit erettile organici, come nel caso del diabete, o per i pazienti che hanno avuto una chirurgia della prostata o del colon retto post malattia oncologica”.

“I medici cubani sono tra i più preparati al mondo – aggiunge Antonini – e Cuba da sempre ha sviluppato un servizio sanitario di altissimo livello. Sono uno dei pochi urologi al mondo a effettuare questa tecnica mininvasiva e questo mi ha dato grande visibilità in Sud America. Oggi con la globalizzazione e la possibilità di connettere tramite la rete milioni di persone, ho avvertito forte la necessità di capire se potevamo sviluppare una collaborazione dall’altra parte del globo. Volevo trovare la possibilità di creare un centro di riferimento vicino alla cultura latina”.

Ma che tipo di protesi peniena è ‘sbarcata’ a Cuba? “È un dispositivo idraulico formato da tre componenti – illustra Antonini – due cilindri, un piccolo serbatoio e un meccanismo di attivazione totalmente invisibili perché sono impiantati all’interno dei corpi cavernosi del pene. Va a sostituire il meccanismo idraulico fisiologico dell’erezione utilizzando soluzione fisiologica al posto del sangue. Si utilizza un accesso chirurgico mini-invasivo di appena due centimetri alla base del pene, che permette di eseguire l’impianto”.

L’obiettivo di Antonini va oltre la ‘fredda’ chirurgia, ma riguarda l’umanizzazione delle cure, la solidarietà e l’insegnamento. “La mia è una missione umanitaria – sottolinea l’urologo italiano – sarò impegnato a insegnare ed a formare chirurgicamente i colleghi sulla tecnica mininvasiva di impianto di protesi peniena. I pazienti arrivano da tutte le parti del mondo e vengono assistiti durante tutta la loro permanenza. Il problema viene inquadrato clinicamente e risolto con le terapie mediche più avanzate. Quando queste non trovano l’indicazione viene proposta la soluzione chirurgica che in circa 20 minuti con l’impianto di un dispositivo invisibile a occhio nudo permette a qualsiasi uomo, di qualsiasi età, di avere una nuova giovinezza sessuale“.

Quando si pensa a un progetto di così alta specializzazione e competenza, in grado di cambiare completamente e per sempre la qualità della vita di centinaia di migliaia di uomini provenienti da tutto il mondo, “si può solo pensare di realizzarlo a Cuba. Sono più di cinquant’anni che questo Paese – ricorda Antonini – mette a disposizione dei popoli in difficoltà, affetti da emergenze sanitarie, tutta la sua capacità medica, chirurgica, infermieristica, umana e tutta la sua tradizione medico-sanitaria di grande qualità. Lo fa e lo ha sempre fatto come nessun altro Paese al mondo”. Cuba è stata la prima a essere in prima linea contro Ebola, inviando il maggior contingente di medici ed infermieri, ed è rimasta in prima linea anche quando i media hanno smesso di parlarne. Dopo il terremoto di Haiti, l’Isola ha dato a tutto il mondo una “lezione d’amore, di preparazione medica e solidarietà, inviando il contingente medico e paramedico più numeroso che da solo ha curato più del 40% dei feriti – prosegue il medico italiano – Nel 2005 dopo il terremoto del Kashmir 2.400 medici e paramedici in Pakistan hanno curato il 70% dei feriti lasciando in dote 32 ospedali da campo e 1.000 borse di studio mediche”. Questo ‘internazionalismo medico’ cubano, iniziato nel 1963 con la prima spedizione medica in Algeria, basato su una grande competenza e una ‘filosofia di popolo’ rivolta al sostegno verso chi ha bisogno, ha permesso di salvare milioni di vite in 108 Paesi nel mondo, non solo curando ma insegnando ad i medici locali le tecniche di intervento. Attualmente circa 50 mila professionisti, preparati e motivati, sono presenti in 67 Paesi nel mondo contribuendo in modo determinante ad elevare gli standard qualitativi