Tap, la denuncia della società: “Ennesimo atto vandalico, recinzioni abbattute e muretti a secco distrutti”

MeteoWeb

La scorsa notte nel cantiere del microtunnel di Tap a San Foca, sconosciuti “hanno divelto parte della recinzione dello stesso e strappato le reti che proteggono la chioma di alcuni ulivi dalla Xylella”. Lo denuncia in una nota Tap Italia, aggiungendo che questo è “l’ennesimo atto vandalico di violenza e di danneggiamento messo in atto da dimostranti non cosi’ ‘pacifici’ che agiscono contro la legge e contro inequivocabili sentenze della magistratura“. Per Tap “di tale violenza sono oggi vittime anche gli ulivi, privati della loro protezione, come ieri anche i numerosi muretti a secco distrutti”.

La società riferisce nella nota che parte delle strade vicinali e interpoderali della zona sono ancora bloccate da pietre e materiale vario, e questo “nonostante fin da ieri la prefettura avesse sollecitato alle autorità competenti immediate azioni per il ripristino della viabilità, assicurando in tal modo a tutti cittadini la libertà di movimento garantita dalla Costituzione e dalle leggi”. Tap sottolinea che “le azioni violente di questa notte hanno impedito che avessero corso le programmate operazioni di manutenzione e salvaguardia degli ulivi rimasti nell’area del cantiere a seguito dei blocchi stradali messi in atto dai manifestanti sabato scorso. Lavoratori e tecnici – conclude la nota – si dedicheranno nella giornata di oggi prioritariamente alla riparazione dei danni alla recinzione e alla riprotezione delle chiome degli ulivi”.