Terremoto: nei Comuni del ‘cratere’ possibile rischio per 14.270 scuole

MeteoWeb

Sulle 19 mila scuole italiane situate in zona a rischio sismico 1 e 2, di 14.270 non si sa se siano adeguate sismicamente. E’ quanto denuncia Cittadinanzattiva in occasione del Premio per le buone pratiche, sicurezza e salute a scuola “Vito Scafidi”, oggi a Roma. Uno stanziamento di 100 milioni di euro nel Decreto Terremoto dovrebbe consentire di effettuare le verifiche di vulnerabilità sismica in tutte le scuole situate in zona 1 e zona 2, ha ricordato Adriana Bizzarri, responsabile Scuola di Cittadinanzattiva, “ma chiediamo trasparenza su numero e esiti di queste verifiche e certezza sui tempi e i criteri di erogazione dei 100 milioni di euro”, cosi’ come “chiediamo trasparenza sulle condizioni in cui versano le 14.270 scuole non adeguate sismicamente. Secondo i dati del Miur solo 1 scuola su 8 (11,7%) e’ adeguata sismicamente, sulle altre non si hanno dati certi anche perche’ si fa ancora riferimento a un’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica non aggiornata. La nuova Anagrafe risulta indispensabile“: “faremo quanto in nostro potere per riuscire ad averla on line ed accessibile a tutti entro il 2017″.

Per la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, “tra le priorita'” degli investimenti di edilizia scolastica c’e’ la messa in sicurezza degli istituti delle “zone terremotate. Sono importanti le scelte che stiamo facendo – ha detto – per intervenire subito e mettere in sicurezza, permettendo cosi’ agli studenti di continuare il percorso educativo, ma dobbiamo avere la possibilita’ di avere risorse negoziate anche con l’Europa, oltre che investire fondi nostri”. Al premio Vito Scafidi hanno partecipato 110 scuole di 17 regioni.

Tre gli istituti premiati nella sezione “La scuola oltre il terremoto“, che hanno ripensato al modo di far scuola, “con nuovi spazi laboratoriali, spazi modulabili e adattabili alle diverse attivita’, come quella di ‘mindfulness’, una pratica meditativa inserita tra le materie, per scoprire e controllare le emozioni” (Istituto comprensivo Foligno 2); hanno avviato un programma di attivita’ ludiche e motorie per far riflettere sulle varie emozioni vissute durante gli eventi sismici (Ic “Strampelli” di Gagliole, Macerata) e hanno rielaborato l’esperienza del terremoto con incontri con esperti (Ic “Egisto Paladini” di Treia, Macerata). Tra le altre attivita’ previste da Cittadinanzattiva per le zone terremotate, ha spiegato la’ vicesegretario Annalisa Mandorino, ci sono gli “Stati Generali delle comunita’ colpite dal sisma che si svolgeranno a fine maggio”, “per la ricostruzione in un’ottica di resilienza e sviluppo”. Premiati infine anche l’Istituto di Istruzione Superiore Marie Curie di Pergine Valsugana (Trento) per aver ideato la settimana della gratitudine, l’Istituto professionale statale “Filippo Re” di Reggio Emilia, per aver avviato un progetto di inclusione con gli ospiti di una comunita’ psichiatrica protetta, e l’Istituto comprensivo Chieri 3 (Torino) per aver ideato una “Costituzione agi’ta”.