Organismi geneticamente modificati: Obama preoccupato dal dibattito, “occorre cautela ma non chiusure”

L’ex presidente degli Usa, Barack Obama, si è detto “preoccupato” per il dibattito sugli organismi geneticamente modificati perché “spesso si chiude” su questo argomento. Lo ha detto durante il suo intervento alla manifestazione Seeds and Chips, dedicata all’alimentazione e all’innovazione. “C’è un dibattito e il cibo Ogm è controverso. Quando ero presidente lasciavo che la scienza determinasse la mia politica sul climate change. Analogamente, proprio perché la gente è molto sensibile su questo tema, va bene essere cauti e prudenti, ma non essere chiusi” ha detto.

“Da sempre – ha osservato – si fanno modifiche genetiche: il riso e il frumento che mangiamo oggi non sono esattamente gli stessi che mangiavamo mille anni fa perché l’umanità continuamente ha imparato dall’esperienza, non possiamo arrestarci anche se certamente dobbiamo avere delle reti di sicurezza”. “Cercare di capire come farlo in modo controllato per avere vantaggi senza le conseguenze non volute” per Obama è la strada maestra anche perché, ha aggiunto, “non credo si possa tagliare fuori”. Il cibo Ogm, ha concluso, “arriverà comunque, forse è meglio un dibattito intelligente su come andare avanti”.