Terremoto, il ministro Lorenzin a Crevalcore: “Siamo qui per imparare”

MeteoWeb

“Vedere che questa terra non solo è ripartita ma è andata avanti è un grande segno. Siamo qui per imparare e prendere gli esempi migliori”. Così la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin, durante l’incontro con cittadini e operatori di oggi pomeriggio alla Casa della Salute delle Terre d’acqua a Crevalcore. All’incontro – si apprende – hanno partecipato anche Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna, Palma Costi, Assessore alle attività produttive, piano energetico, economia verde e ricostruzione post-sisma della Regione Emilia-Romagna, Sergio Venturi, Assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Luca Rizzo Nervo, Presidente della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria metropolitana di Bologna, Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore, Chiara Gibertoni, Direttore Generale dell’Azienda USL di Bologna.

“Siamo molto grati alla Ministra Lorenzin per la sua visita alla Casa della salute delle Terre d’acqua, che consideriamo una delle nostre migliori esperienze territoriali – ha detto Chiara Gibertoni, Direttore Generale dell’Azienda USL di Bologna – soprattutto per la sua comunità professionale, che preesisteva alla realizzazione della stessa Casa e ne ha orientato il profilo, all’insegna della elevata capacità di relazioni che la caratterizza”. La visita della Ministra si è aperta alle 15,30 con la proiezione di Crevalcore 2012-2017, video realizzato dall’Azienda Usl di Bologna che attraverso le testimonianze di amministratori, operatori e volontari racconta i giorni del sisma e la ricostruzione dal punto di vista sanitario. La Ministra ha quindi visitato la mostra fotografica che accompagna il video e ha visitato la Casa della Salute, soffermandosi con cittadini e professionisti. Al termine della visita, Lorenzin ha varato una nuova ambulanza della Pubblica Assistenza di Crevalcore, acquistata con i fondi raccolti dai volontari tra i cittadini di Crevalcore e di tutto il territorio delle Terre d’acqua.