Asteroid Day: tutto pronto per il 30 giugno, parte il conto alla rovescia

MeteoWeb

Tutto pronto per l’Asteroid Day del 30 giugno, la giornata internazionale dedicata agli asteroidi vicini alla Terra e alla loro sorveglianza. Sono in programma più di 700 eventi in 190 Paesi, fra cui l’Italia che partecipa con molte iniziative. In programma anche una maratona tv di 24 ore trasmessa dal Lussemburgo, una diretta tv della Nasa, mentre l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) ha lanciato l’hashtag #Asteroid Day. Sul canale Ansa Scienza è inoltre prevista sia la diretta della Nasa che quella del Virtual Telescope, con l’osservazione di alcuni asteroidi vicini alla Terra.

L’iniziativa ha l’obiettivo di trasformare un tema apparentemente di nicchia in un argomento di interesse globale, visto che globali sarebbero le conseguenze di un impatto catastrofico” ha detto all’ANSA l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope e coordinatore per l’Italia dell’Asteroid Day. Lo scopo, ha aggiunto ”è anche quello di spronare i governi a investire risorse per la scoperta di asteroidi vicini alla Terra e promuovere missioni per mitigare il rischio di impatto’‘.

Nata nel 2014 su iniziativa di un gruppo di personalità del mondo della Scienza e della cultura, tra cui Brian May, astrofisico e chitarrista dei Queen, nel 2016 l’Asteroid Day è stata dichiarata dalle Nazioni Unite giornata educativa globale per promuovere consapevolezza sul rischio asteroidi. Come giorno ufficiale è stato scelto il 30 giugno in quanto è il giorno dell’anniversario del più grande impatto di un asteroide della storia scritta: quello avvenuto a Tunguska in Siberia nel 1908.

Quest’anno si prospetta un ricco calendario: numerosi gli eventi programmati presso science center, planetari, musei, osservatori, scuole, teatri, di tantissimi paesi, dall’Arizona negli Usa, al Madagascar al Pakistan. Moltissime le iniziative anche in Europa, con la maratona Tv di 24 ore prodotta dal network Broadcasting Center Europe in Lussemburgo, alla quale partecipa anche Masi ed esperti di Esa, Nasa e Agenzia Spaziale Giapponese (Jaxa). L’Italia si colloca comunque tra i paesi più ricchi di eventi.