Siccità, l’appello al Prefetto di Sassari: “Servono interventi straordinari”

MeteoWeb

“Servono interventi straordinari per arginare le conseguenze della Siccita'”. E’ l’appello che i vertici di Coldiretti Nord Sardegna hanno rivolto al prefetto di Sassari, Giuseppe Marani. Accompagnati da una delegazione di imprenditori agricoli, il presidente e il direttore della delegazione provinciale della piu’ importante associazione di categoria delle campagne, Battista Cualbu ed Ermanno Mazzetti, hanno incontrato Marani.

E gli hanno chiesto esplicitamente di “trasferire al Consorzio di bonifica della Nurra, fino al termine della stagione irrigua, la gestione delle acque e il controllo dei bacini e delle reti idriche”. Secondo Coldiretti, il passaggio di consegne offrirebbe al territorio consortile e agli imprenditori agricoli risposte piu’ veloci nella gestione della crisi idrica. “In tema di Siccita’, la Nurra sta vivendo l’estate peggiore dal 1922 – afferma Ermanno Mazzetti – Gli imprenditori agricoli vedono dimezzati i propri raccolti.

La produzione di mais e’ inferiore del 66% e quella di meloni e angurie rischia di ridursi a meta'”. Secondo Battista Cualbu, “il ministero dell’Agricoltura ha fatto bene a riconoscere lo stato di calamita’ naturale per la Sardegna e ad attivare il fondo di solidarieta’, perche’ l’assenza di acqua sta gravando sui raccolti e molti imprenditori agricoli hanno enormi difficolta’ a onorare i pagamenti”. Ma se in futuro si vuole scongiura questa situazione, “e’ necessario attuare degli interventi immediati – chiede Cualbu – per favorire la conservazione della risorsa idrica all’interno dei nostri bacini“.