Siccità: “Per risolvere il problema acqua non basta la danza della pioggia”

MeteoWeb

“Una crisi idrica senza precedenti. Cittadini esasperati dall’assenza totale di acqua o dal suo costante razionamento. Imprese, agricole, in primis alle prese con i danni acuiti dalla SICCITÀ degli ultimi mesi. Aziende turistiche, albergatori, ristoratori e commercianti costretti a fare i salti mortali per dare servizi ai clienti. E il presidente Zingaretti, insieme all’assessore Refrigeri, non fanno che dire che si sta cercando una soluzione. Ma le costanti riunioni dimostrano solo il fatto che non solo siamo lontani dalla benchè minima soluzione ma questa Regione non sa proprio dove mettere le mani.”

“Tanto che alle proposte fanno spazio agli scarica barile ed all’inerzia di Zingaretti e della sua giunta rispetto ad un problema che non è nato oggi ma che è conosciuto da tempo. Lo stesso tempo che poteva essere utilizzato per concretizzare proposte come ad esempio quella contenuta nell’ordine del giorno approvato dal consiglio regionale il 15 febbraio 2017, con cui si impegnava il presidente della giunta regionale e gli assessori competenti ad aumentare, in termini di competenza e cassa, lo stanziamento del programma denominato “Servizio idrico integrato”, per un importo pari 4.000.000,00 di euro a valere sulle annualità 2017 – 2019, per contribuire a fronteggiare e risolvere in modo definitivo la crisi idrica nei Comuni del Sud Pontino e del Golfo di Gaeta.”

“Va bene la richiesta di stato di calamità. Va benissimo l’attivazione del fondo di solidarietà. Ma si tratta comunque di misure che devono essere accompagnate da interventi straordinari, non più procrastinabili, e da urgenti investimenti per il riefficientamento delle reti idriche nei Comuni del Sud Pontino, della provincia di Latina e del Lazio attraverso l’eliminazione del fenomeno della dispersione del flusso idrico ed il rafforzamento delle centrali di produzione esistenti. Perché forse Zingaretti non se ne è accorto ma il problema SICCITÀ e crisi idrica non riguarda solo il Comune di Roma ma tutto il Lazio.”

“E i cittadini di tutto il Lazio meritano di sapere cosa la Regione intende fare in termini di investimenti e di progetti attuabili con un cronoprogramma preciso per farsi parte integrante e responsabile della risoluzione del problema. Mercoledì in consiglio regionale diremo a Zingaretti ed alla sua giunta, durante la discussione sul tema, tutto questo. Li metteremo di fronte alle loro responsabilità. E pretendiamo delle risposte. Il tempo è finito e fare la danza della pioggia non basta per rassicurare i nostri cittadini che devono avere risposte e non assistere ai soliti teatrini”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone. red 271556 LUG 17 NNNN