Terremoto, i dirigenti delle scuole d’Umbria: mancano le certificazioni di sicurezza

MeteoWeb

Lettera di oltre 130 dirigenti scolastici dell’Umbria a ministero dell’Istruzione, Regione, Province, Prefetture, sindacati e parlamentari per chiedere “le azioni necessarie a far si’ che tutte le scuole rappresentino luoghi sicuri per i lavoratori e per gli utenti, considerati gli eventi sismici che hanno colpito la regione” e “preso atto delle recenti sentenze di condanna che hanno coinvolto i dirigenti scolastici” sulle questioni della sicurezza. Nella loro missiva, i dirigenti scolastici umbri ribadiscono che “la maggior parte delle scuole non sono ancora provviste delle certificazioni previste dalla normativa”, e ribadiscono “la sproporzione tra le responsabilita’ in capo ai dirigenti scolastici in materia di sicurezza e gli strumenti a disposizione”.

Suggeriscono quindi, tra l’altro, l’invio ai comuni ed alle province di un documento tecnico con le richieste di certificazioni imprescindibili per l’adeguamento normativo”, e sollecitano modifiche normative “che delimitino in modo chiaro i compiti e le responsabilita’ del dirigente scolastico in materia di sicurezza nelle scuole”. Chiedono quindi di inserire nel prossimo contratto quelle “garanzie assicurative sempre promesse e mai introdotte”. Propongono poi per settembre “un confronto fra tutti gli attori istituzionali affinche’ si avvii una fase in cui la sicurezza trovi riscontri proporzionati nella programmazione delle risorse nazionali e regionali”. In assenza delle condizioni di sicurezza da loro auspicate, i dirigenti scolastici dell’Umbria, si dicono infine determinati a “trarre le conseguenze del caso”.