Terremoto: la Valnerina transitabile in autunno a fasce orarie

MeteoWeb

A fine settembre inizio di ottobre sarà possibile transitare sulla strada Valnerina a fasce orarie. E’ quanto emerso durante un incontro presso la Provincia di Macerata, a cui hanno partecipato il presidente Antonio Pettinari, l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, i sindaci, i tecnici e il soggetto attuatore Fulvio Soccodato, dell’Anas, per fare il punto sulla situazione della rete viaria nella zona maggiormente interessata dal Terremoto. La Valnerina risulta bloccata da una frana e da ingenti cadute massi: il progetto per il suo ripristino, redatto dall’Anas, era stato sottoposto alla Conferenza dei Servizi a maggio, ma l’acquisizione dei necessari pareri ha fatto slittare di diverse settimane l’avvio della procedura di appalto.

Ora – dice Pettinari -, finalmente, dopo l’acquisizione dei pareri l’Anas ha avviato la procedura di appalto. Adesso e’ necessario recuperare il tempo perduto”. Il bando sara’ pubblicato in gazzetta il 12 luglio prossimo, i lavori potrebbero iniziare nei primi giorni di agosto. Nell’incontro si è discusso anche di altre strade. Il progetto di ripristino della Sp 136 “Pian Perduto”, sarà esaminato il 19 luglio dalla Conferenza dei Servizi, il relativo bando sara’ pubblicato entro i primi giorni di agosto, entro la fine dello stesso mese dovrebbero iniziare i lavori; il progetto della Sp 156 “Braccio Monte Prata” andrà in Conferenza dei Servizi entro agosto.

Soccodato ha anche riferito che il progetto di ripristino della Sp 130 “Ussita-Frontignano-Castel Sant’Angelo” andra’ in Conferenza dei Servizi prima di Ferragosto mentre il progetto della Sp 135 “Visso-Ussita” andra’ in gara il 20 luglio. Infine per la Sp 66/2 “Braccio Casali” l’Anas sta completando il progetto che verra’ sottoposto alla Conferenza dei Servizi all’inizio di agosto per poi cantierarlo a settembre. L’Anas conta di aprire i primi cantieri nel prossimo mese. La riapertura delle strade e’ fondamentale per quelle zone devastate – e’ stato detto -, la Provincia di Macerata continuera’ nella sua azione di monitoraggio costante e convochera’ a fine luglio un’altra riunione con le amministrazioni interessate