Clima, ricerca: “la Exxon ha fuorviato il pubblico sui rischi del riscaldamento”

MeteoWeb

La Exxon Mobil ha furoviato per decenni l’opinione pubblica sui rischi connessi al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici, pur essendone pienamente a conoscenza: è quanto risulta da un’analisi effettuata su circa duecento fra ricerche e documenti diffusi ad uso interno dal gigante petrolifero statunitense nell’arco di alcuni decenni.

Lo studio, pubblicato dalla rivista scientifica Environmental Research Letters, cita anche le stime della stessa Exxon Mobil secondo cui la limitazione del riscaldamento sotto i due gradi centigradi (obbiettivo degli accordi di Parigi) limiterebbe considerevolmente il consumo di combustibili fossili e quindi la crescita finanziaria della compagnia.

La Exxon ha sempre negato di aver condotto una campagna di disinformazione, accusando giornalisti e ricercatori di aver selezionato solo quei documenti che mettevano in cattiva luce la compagnia: il nuovo studio tuttavia è giunto alle identiche conclusioni di quelli precedenti dopo aver esaminato tutto il materiale a disposizione.

Già nel 1979, quando i cambiamenti climatici erano una questione quasi sconosciuta al grande pubblico, la Exxon aveva iniziato a suonare i campanelli d’allarme in alcuni memo interni in cui si suggeriva la natura antropica dell’aumento delle temperature, teoria pienamente accettata dai ricercatori della compagnia negli anni Novanta.

 Nello stesso tempo però ancora nel 1997 Exxon compagnia avvertiva pubblicamente che “la scienza dei cambiamenti climatici è troppo incerta per imporre un piano d’azione in grado di seminare il panico nell’economia”, ovvero i Protocolli di Kyoto che lì’Amministrazione Clinton cercava di far approvare dal Congresso. Il nuovo studio potrebbe faviorire le cause e i ricorsi presentati contro la Exxon, accusata di aver minimizzato volontariamnete i rischi connessi al riscaldamneto globale; dal 2006 al 2016 a guidare la compagnia staunitense è stato l’attaule Segretario di Stato americano, Rex Tillerson.